7 dicembre 2016

MotoGP, Rossi: Non è troppo tardi, mai così veloce negli ultimi anni”

Nonostante il ritardo in classifica mondiale il pesarese ha tutto per puntare al decimo titolo iridato

Si corre in Germania questo weekend, terra in cui l’Italia solitamente e sportivamente parlando trova grandi successi. Sono 42 le lunghezze di distanza fra Rossi e Marquez, un andamento completamente opposto rispetto agli anni passati: lo spagnolo è diventato calcolatore, pragmatico, soprattutto nell’ultimo valzer della pioggia che in quel di Assen ha visto cadere Rossi quando guidava la corsa e Lorenzo arrancante nelle retrovie. Ha esultato facendo il segno del dito verso il cervello, perché ha saputo usarlo lasciando la vittoria all’outsider Miller ma prendendosi 20 punti chiave in ottica campionato. Rossi invece ha già tre zeri in tabellino, decisamente tanti per chi vuol puntare al Mondiale. La domanda è, troppi?

No ed il perché ce lo fornisce anche Paolo Beltramo, autorevole voce della MotoGp, in una intervista esclusiva concessa a Bwin: “Rossi quest’anno è sempre stato competitivo finché non ha commesso qualche errore – come a Austin – o non ha avuto qualche guasto tecnico – come al Mugello. Però va più forte dell’anno scorso, quando comunque si è giocato il Mondiale fino all’ultima corsa. Secondo me questo Rossi può tranquillamente vincere il titolo e a differenza di quanto visto nella stagione precedente parte per ogni gara con l’obiettivo del primo posto. Ha accumulato rabbia per come è finita nel 2015, e sembra che stia assorbendo entusiasmo dai piloti più giovani di lui. Mi sembra che lui stesso sia come ringiovanito. Gli è mancata un po’ di fortuna fin qui, o semplicemente i suoi rivali rispetto alla passata stagione sono stati un po’ meno sfortunati”.

La velocità del dottore è dimostrata anche dalle due pole position in stagione, una rarità per lui anche negli anni di dominio. Chi resta nel mezzo, fra alti e bassi anche a livello di velocità e competitività è Lorenzo, già promesso sposo alla Ducati. Questo il pensiero di Beltramo a riguardo: “Rossi ci ha provato con la Ducati ed è stato sfortunato. Con Lorenzo è possibilissimo vedere una Ducati da titolo e sarebbe bellissimo perché stiamo parlando di una casa che è un’eccellenza italiana. Giusto per fare un esempio e dare un’idea delle proporzioni, Honda produce una cosa come 10 milioni di moto all’anno contro 60mila-70mila della Ducati. Per stare lì davanti servirà però creare qualcosa di diverso da quello che stiamo vedendo oggi in pista. Con Gigi Dall’Igna e lo spirito di una grande squadra con un “piccolo” reparto corse sono sicuro ne vedremo delle belle. La joint force con Audi sicuramente è una spinta in più. E la scelta di Lorenzo è la migliore che Ducati potesse fare”.

Il Mondiale è aperto, in tre racchiusi in 40 punti con ancora tante gare davanti: uno 0 di Marquez riaprirebbe decisamente tutto.