10 dicembre 2016

Di Pietro: “Bisogna fare in modo che rispettare le regole convenga ai cittadini”

Antonio Di Pietro è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sul tema della legalità, che è stato al centro del dibattito avvenuto oggi all’Università Niccolò Cusano con Salvatore Esposito (attore della serie tv Gomorra). “Rispettare le regole del gioco converrebbe a tutti –ha affermato Di Pietro-, ma c’è sempre qualcuno che vuole fregare gli altri. In questo periodo nel nostro Paese conviene di più infrangere le leggi perché tanto poi non ne paghi le conseguenze. Come dice Davigo serve la certezza della pena. Il neo sindaco di Roma ha detto che aumenterà le multe per chi butta le cose per strada, questo mi fa piacere perché non deve convenire alla gente buttare la roba per strada. Se noi abbiamo ai massimi livelli chi commette reati e resta impunito, ognuno si sente quasi legittimato a commetterli a sua volta. Quella dei furbetti del cartellino ormai è diventata una prassi quotidiana. Il familismo amorale mi sembra che ci sia ancora. Ovviamente non bisogna generalizzare, perché di gente che fa il suo dovere con onestà ce n’è tanta”.

Rischio emulazione di eroi negativi da parte dei giovani. “Vedo che molte persone famose si tagliano i capelli in maniera strana e allora i ragazzi li emulano –ha affermato Di Pietro-. Se nei film si fa vedere che fare i criminali è bello questo non va bene. La serie tv ‘1992’? La rispetto, l’attore che mi rappresenta è stato molto più bravo di me. Non è vero che avevo l’ossessione per Bettino Craxi, ma è una fiction quindi ci sta”.