Analisi del voto italiano ed inglese

Quando si tratta di commentare un risultato elettorale, a mio parere, bisogna aspettare che le acque si siano fermate ed analizzare i dati a mente fredda. Questa volta sono ben due le elezioni da commentare: quelle amministrative italiane ed il referendum britannico. Entrambe, a mio avviso, hanno la stessa radice che affonda nel sentimento anti questa Europa.

 

 

A Roma e Torino stravincono la Raggi e l’Appendino, espressioni del Movimento 5 Stelle che da anni denuncia le nefandezze di un  sistema bancario-finanziario europeo che ha nell’austerità un modo per schiavizzare i popoli, senza sanare i bilanci statali. Un sistema che, anzi, privatizza i profitti che si ricavano dall’utilizzo del denaro pubblico mentre pubblicizza le perdite di operazioni di alta finanza speculativa, stile banca della brutta copia di quella dove il papà ed il fratello della Biancaneve addormentata nei boschi erano dipendenti ed azionisti.

 

 

Due donne che hanno avuto un plebiscito grazie alla voglia popolare di dire no a quel sistema creato dal Pd dove la cattiva amministrazione è andata sotto braccio con mafia capitale e con operazioni poco cristalline. Sbaglia chi dice che Roma e Torino siano solo un voto di protesta. Premesso che se si vota contro il candidato uscente a favore del suo avversario è anche per protestare contro l’operato del primo, il voto romano e torinese sono espressione anche di un consenso verso una proposta di visione del vivere democratico e civile diverso da quello attuale. Reddito di cittadinanza e trasparenza nella gestione della res publica, ad esempio, cosa sono se non nuove proposte di amministrazione cittadina?

 

 

Passiamo al Brexit. In Inghilterra il popolo sovrano ha deciso di non voler più far parte di questa Europa. Un’Europa dove l’unico dio è il denaro, dove l’uomo è un elemento da svalutare nei suoi diritti per essere funzionale alla produttività, dove il Pil conta più della vita dei bimbi (vedere cosa succede negli ospedali greci ai bimbi i cui genitori non hanno i soldi per le cure…), dove il lavoro diventa incerto, con quest’ultimo a costringere le donne e gli uomini a precarizzare se stessi alla ricerca spasmodica di un reddito insufficiente al vivere quotidiano.

 

 

Europa che vede aumentare la povertà mentre la ricchezza aumenta. Ma come, aumenta la ricchezza ed aumentano i poveri? Certo, perché i ricchi diventano sempre più ricchi, mentre i poveri sono anche coloro che lavorano. Europa che ci impone di calcolare le nostre esistenze non con valori come la felicità, la gioia, il benessere, l’amore e l’armonia. L’unico valore ammesso è quello dell’euro. Europa che permette alle banche private di utilizzare i soldi pubblici per effettuare speculazioni sui debiti degli stati membri. Europa che accoglie i migranti non per spirito caritatevole ma per utilizzarli come strumenti di ribasso salariale.

 

 

Europa che ha sulla coscienza i morti del disastro ferroviario pugliese. Si, perché se una classe politica è succube dei fautori dei tagli pubblici, giocoforza sarà tagliata la spesa (tranne quella militare), leggi sanità, previdenza, giustizia, sicurezza e trasporti pubblici.

 

Visto quanto conta il voto? Allora perché astenersi? Ad esempio sul referendum costituzionale…..

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9344 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.