11 dicembre 2016

Referendum costituzionale, Pasquino: “La riforma di Renzi è priva di una visione”

Matteo Renzi durante una manifestazione elettorale al teatro Politeama di Napoli, 8 febbraio 2013. ANSA / CESARE ABBATE

Il Prof. Gianfranco Pasquino, politologo e accademico italiano, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito alle riforme costituzionali. “Le modifiche proposte dal governo sono brutte –ha spiegato Pasquino-. Se Renzi voleva rafforzare il governo ha sbagliato perché queste riforme cambiano il Senato in maniera pasticciata e confusa, ma non toccano in nessun modo il governo. Non c’è dubbio che i rapporti tra Stato e Regioni sono mal messi e qualcosa bisogna fare. E’ giusto abolire il Cnel, se si votasse solo su questo i sì sarebbero sopra il 90%. Si può intervenire per modificare il referendum, anche se Renzi sta rendendo questa cosa molto difficile. Riguardo il Senato basterebbe che il governo togliesse il voto di fiducia. Invece Renzi ha seguito due sirene populiste: una che diceva di risparmiare i soldi e l’altra che diceva di ridurre il numero di senatori. Ma allora perché non ridurre anche il numero di parlamentari alla Camera? Quella del nuovo Senato è una classe politica pasticciata. Mi sarei aspettato che il Presidente della Repubblica e Napolitano intervenissero da questo punto di vista”. 

“Le riforme costituzionali possono essere proposte da chiunque, purchè abbia una conoscenza della Costituzione e abbia una visione. Invece in questo caso non c’è una visione, sono 4 riforme messe lì. Renzi non ha alcuna idea particolarmente originale e questa gli è sembrata una battaglia da vincere facilmente per accrescere il suo consenso. Adesso ha perso la bussola e cerca di scaricare le responsabilità. Dire ‘se io perdessi il referendum’ è un’esagerazione di cui poteva fare a meno, ma di cui adesso è giusto che paghi le conseguenze, oppure deve tornare sui suoi passi e dire ai cittadini di votare secondo le proprie convinzione senza che lui li ricatti”. 

“Ogni tanto parlo con il giornalaio, con il controllore del treno per capire quanto ne sanno rispetto alla riforma –ha affermato il Prof. Pasquino-. Gli italiani quando andranno a votare si saranno fatti certamente un’opinione, magari anche dopo aver chiesto a qualcuno di cui si fidano che ne sa più di loro. Invece i britannici si sono fatti influenzare molto dalla loro stampa scandalistica. Gli italiani ce la faranno”.

Fonte: Radio Cusano Campus