5 dicembre 2016

Referendum, Centemero, FI: “Per valutare riforma costituzionale non si può prescindere dall’Italicum”

Elena Centemero, deputata di Forza Italia, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it). 

In merito al referendum di ottobre. “Ai cittadini dico di informarsi, leggere, conoscere a fondo che cosa porta con sé questa riforma costituzionale unita all’Italicum –ha affermato Centemero-. Saranno i cittadini che dovranno decidere sul referendum, non devono essere i partiti a dire cosa i cittadini devono votare. Sulla posizione di FI si sono espressi i capigruppo Romani e Brunetta. La posizione che FI porterà avanti è quella del No. Dopodichè decideranno i cittadini, mi sembra fuori luogo l’atteggiamento dei giornali di destra e di sinistra, della minoranza del Pd, che continuano a voler politicizzare un referendum che invece non andrebbe politicizzato. Dobbiamo guardare se il Senato viene abolito davvero. Per quanto riguarda le competenze del titolo V che cosa succederà ai servizi dei cittadini? Cosa succederà quando le competenze delle regioni saranno centralizzate e trasportate allo Stato? Noi di FI siamo una forza liberale e riformista. Per noi riformare le istituzioni dello Stato è fondamentale, ma in questa riforma ci sono luci e ombre. Una cosa positiva è l’abolizione dei senatori a vita. Altra cosa positiva è la parità tra donne e uomini. Il tema centrale di questo referendum non è mandare a casa Renzi, ma cosa la riforma costituzionale va a modificare in termini di servizi dei cittadini. Questa riforma non può essere considerata a prescindere dall’Italicum, che è una legge che andrebbe cambiata. Noi stiamo cambiando 47 articoli della Costituzione. Questo deve portare a riflettere sull’intero complesso della riforma. La responsabilità politica dovrebbe essere questa: far riflettere i cittadini sui contenuti della riforma e non politicizzarla. Serve maggiore responsabilità. I politici devono essere seri, onesti e affidabili, che per un periodo limitato della loro vita, non per sempre, devono pensare solo a servire i cittadini. Spacchettare i quesiti referendari? Credo che non sia possibile. Deve essere un referendum sull’intera riforma. Ma questo ce lo diranno con certezza i costituzionalisti”.

Fonte: Radio Cusano Campus