4 dicembre 2016

Santi Cosma e Damiano, gestione dell’acqua intollerabile

La gestione dell’acqua è ormai diventata intollerabile e la soluzione a mio avviso non è nello scontro ideologico sulla pubblicizzazione o meno della stessa, anche se personalmente sono per la gestione pubblica dell’acqua avendo anche votato in tal senso nel famoso referendum di qualche anno fa che, a quanto pare è stato fatto volutamente cadere nel dimenticatoio da una classe politica che avrebbe dovuto legiferare in materia e che, evidentemente cerca tutti i modi possibili ed immaginabili per evitare tale soluzione. Pur continuando e condividendo la battaglia per la pubblicizzazione dell’acqua, è necessario che i sindaci del sud – pontino facciano fronte comune per imporre una programmazione che nell’immediato preveda investimenti cospicui sull’intera rete idrica che, ironia della sorte, fa acqua da tutte le parti! E le continue riparazioni, effettuate per la verità con notevoli ed insopportabili ritardi, si tramutano solo in inutili sperperi di danaro divenendo una vera e propria beffa per i cittadini che, come è capitato in questo ultimo mese, si trovano a vivere in una situazione di disagio enorme ed indescrivibile. Credo sia tempo ormai che nella partecipazione ad Acqualatina non sia più possibile partecipare obbedendo agli ordini di scuderia dei vari partiti in cambio di qualche assunzione o qualche intervento particolare, come è avvenuto negli anni scorsi, ma facendosi portavoce delle reali esigenze della cittadinanza ed utilizzando tutti i mezzi possibili ed immaginabili per il perseguimento di tali risultati. Per questo faccio appello a tutti i sindaci dei comuni del sud che in questi giorni hanno condiviso il disagio a tutti noto, di elaborare delle strategie comuni ed imporle alla Conferenza dei Sindaci o in sede di Ato al fine di poter ottenere nell’immediato dei risultati che vedano la soluzione di qualche problema. Altrimenti non è difficile profetizzare che ci aspettano altri tristi periodi come quello vissuto in queste settimane. Ritornando alla pubblicizzazione dell’acqua ripeto che io sono personalmente favorevole, e credo di poter interpretare anche l’indirizzo dell’Amministrazione di cui faccio parte in tal senso, auspicando che lo facciano con una certa rapidità, anche perché in Italia tutti i grandi servizi che sono stati privatizzati si sono ridotti tutti in un ulteriore disagio per i cittadini (vedi le Poste, le Ferrovie, ecc.). Tuttavia se a capo della gestione anche pubblica, si creasse un altro carrozzone politico, non penso che servirebbe a risolvere i problemi peraltro annosi che Acqualatina ha ereditato da una precedente gestione che pure era pubblica con l’aggravante però che nonostante siano passati quindici anni nulla sembra essere cambiato se non le tariffe adeguatamente aggiornate!”.

È quanto dichiara il vicesindaco di Santi Cosma e Damiano Vincenzo Petruccelli.

About Giovanni Soldato 2949 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.