8 dicembre 2016

Ambiente, la forestale sequestra una cava abusiva utilizzata come discarica nel napoletano

Cemento, amianto, fili di ferro, tubi in pvc e plastiche varie, per un totale di quasi 5mila metri cubi di rifiuti pericolosi. È quanto è stato scoperto dal personale del Corpo forestale dello Stato, nell’ambito delle attività finalizzate al controllo ambientale, in un’ ex cava  di tufo in disuso nel Comune di Quarto, in provincia di Napoli.

Gli uomini del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale del Comando Provinciale di Napoli hanno posto sotto sequestro la cava abusiva di circa 100mila metri quadrati sulla quale insisteva un impianto per il recupero di inerti,  privo di qualsiasi autorizzazione.

La cava, risultava essere ricoperta da rifiuti di demolizione, e solo successivamente con l’ausilio del personale tecnico Arpa  Campania, sono stati classificati in rifiuti pericolosi e non, riscontrando la presenza di una notevole quantità di amianto. Nella discarica trovati vari cumuli di rifiuti tra cui  frammenti di manufatti cementizi, amianto,  fili di ferro, plastiche, parti in asfalto e tubi in pvc.

Il titolare della società che gestisce la cava è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria  per attività di gestione illecita di rifiuti.

Il sequestro rientra nell’ambito di un’intensa attività del Comando Provinciale di Napoli del Corpo forestale dello Stato per il contrasto dei crimini ambientali perpetrati all’interno della cosiddetta “Terra dei Fuochi”, crimini resi ancora più pericolosi perché mettono a rischio la salute degli abitanti di quelle aree.

About Emanuele Bompadre 8279 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.