8 dicembre 2016

Traslochino, il nuovo modo di fare un trasloco

Traslochino nasce nell’aprile 2015 all’interno di InnovActionLab, dove i fondatori hanno dato vita a questa idea, ispirati dall’ascesa della Sharing Economy e dagli insegnamenti del team di Luiss Enlabs (l’acceleratore di LVenture Group).

I soci fondatori sono due: Roberto Dell’Ariccia, CEO, 35 anni, Ingegnere delle Telecomunicazioni laureato all’Università La Sapienza di Roma e un MBA in Ingegneria Gestionale all’Università Tor Vergata di Roma. Alle spalle 10 anni di esperienza nell’industria. Davide De Luca, COO e designer, 29 anni, nato a Benevento. Si trasferisce a Roma dove si specializza allo IED (Istituto Europeo di Design). All’attivo già due esperienze da startupper.

La piattaforma Traslochino (www.traslochino.it) mette in contatto le persone che devono traslocare e chi vuole aiutare in cambio di un compenso. Da ogni richiesta cerchiamo di ottenere tutte le informazioni necessarie per ottimizzare i tempi e consigliare il profilo più adatto alle esigenze. Una volta completato il trasloco è previsto un feedback reciproco tra cliente e traslocatore. I feedback, visibili sui rispettivi profili, servono a guidare la scelta degli utenti nei traslochi successivi.

La piattaforma non impone prezzi. Essi sono stabiliti a discrezione del singolo lavoratore, l’utente vaglia la gamma di offerte e sceglie in base al prezzo e le peculiarità del servizio; noi prendiamo una percentuale sulla transazione. Il progetto ha suscitato da subito molto interesse, anche grazie al team che ha sviluppato l’idea in tempi brevi e con risorse limitate mostrando forza di volontà. Traslochino è una startup giovane ma il riscontro sul mercato è stato notevole e immediato: solo nei primi giorni, oltre 100 lavoratori candidati su Roma. Un numero abbastanza grande da creare il database di riferimento per le prime richieste di piccoli traslochi. Ora siamo attivi solo nella capitale, vogliamo costruire basi solide concentrandoci su un mercato che conosciamo bene e ci permette di migliorare giorno per giorno sul campo.

Intanto ci guardiamo intorno e abbiamo già individuato le città dove espanderci. Vogliamo raggiungere la copertura a livello nazionale in tempi brevi, questa evoluzione sarà supportata da un’app che affiancherà la piattaforma web a partire dal 2016. Quali sono i vantaggi per l’utente rispetto ad una tradizionale impresa di traslochi?

Va chiarito che Traslochino non è e né si contrappone ad un’azienda di traslochi: l’obiettivo è fornire all’utente la soluzione migliore per la sua esigenza, nei limiti del possibile. Spesso, per i traslochi medio­piccoli, ci si rivolge ad amici e familiari che non possono intervenire, è qui che Traslochino torna utile proponendo persone vicine e disponibili ad aiutare con un mezzo di trasporto proprio e/o manodopera. I traslochini (come noi chiamiamo i traslocatori iscritti) possono essere sia privati che hanno tempo e voglia di guadagnare sulla piattaforma sia liberi professionisti con furgoni e attrezzature per i traslochi più complicati.

Il vantaggio per i lavoratori privati è un’occasione buona per arrotondare; per i professionisti e le aziende di traslochi, invece, Traslochino rappresenta un ponte digitale verso potenziali clienti che altrimenti non raggiungerebbero. Tutto il meccanismo è sostenuto da uno dei pilastri della Sharing Economy: il feedback reciproco, uno strumento che ci permette di premiare i lavoratori migliori e i clienti più cordiali garantendo la sicurezza di entrambi. Per noi di Tralochino la Sharing Economy è il presente ma anche il futuro. È un modus operandi che sta radicando nella mentalità e nelle abitudini delle persone, i casi Uber ed AirBnB ce lo testimoniano. In tempo di crisi economica e sociale, il consumo collaborativo non è solo un’occasione di lavoro ma un passo in più verso la fiducia nell’altro. Ci piace essere partecipi di questo meccanismo e dimostrare che ci sono nuove possibilità di fare impresa.