8 dicembre 2016

Il “Colosseo industriale” compie 80 anni: cento appuntamenti per tutta la stagione

 

Torna il “Gasometro”, al suo quarto anno, il grande evento dell’Estate Romana: due mesi di eventi e di dibattiti, di musica e di arte, di cultura e di divertimento. Due mesi di programmazione per un calendario già fitto di vernissage e di rappresentazioni teatrali, di proiezioni cinematografiche e di grandi concerti. Tra gli ospiti più attesi, calcheranno il palco del grande spazio culturale anche Francesco Montanari, Giorgio Tirabassi, Vinicio Marchioni e  Claudio Santamaria.

La Riva Ostiense torna così ad essere il punto di riferimento dell’estate capitolina, ma in una veste totalmente nuova, all’aperto, con spazi ampliati e asfaltati. Circa cento gli appuntamenti totali, che si alterneranno tutti i giorni, per tutta la stagione calda, fino a sabato 17 settembre, dalle 18:30 fino alle 4 del mattino. Il Gasometro offrirà così divertimento e cultura fra teatro, cinema, spettacoli, musica live, dancefloor, sport, arte. Il tutto al grido di “Core d’Acciaio”.

IL PRIMO WEEKEND DI GASOMETRO 2016 – Un’apertura esplosiva che unisce moda e spettacolo, teatro e grande musica. I colori e gli azzardi di Pianura Studio saranno i grandi protagonisti dell’evento che, eccezionalmente, coinvolgerà il Ponte della Scienza di Roma. Per la prima volta un ponte romano diventa la passerella di una sfilata di moda: l’appuntamento è previsto per sabato 9 luglio, alle ore 19:30.  A conclusione della serata, anche il saluto dell’attrice Elena Russo. A calcare per la prima volta il palco dello spazio dedicato al teatro sarà invece Vinicio Marchioni durante la serata di sabato, alle ore 21:15, che leggerà “Li romani  in Russia” di Elia Marcelli, nell’edizione curata da Marcello Teodonio.

Lo spettacolo consiste nella lettura a capitoli del poema in versi che racconta l’orrore della Guerra attraverso la voce di chi l’ha vissuta in prima persona. Considerato un capolavoro della letteratura del ‘900, il testo di Marcelli è uno straordinario affresco epico, narrato in dialetto romanesco, che ha per protagonisti Giggi, Mimmo, Peppe, Nino, Nicola e Remo, un gruppo di giovanissimi soldati della Divisione Torino, “spediti a morire” da Mussolini nella famigerata campagna di Russia. La storia di un esercito di straccioni e sbandati a cui rimangono solo fame, freddo, paura e sapore di una disfatta, in un  racconto che lascia spazio anche a momenti ironici e divertenti. Biglietto unico: 10 euro

Per gli amanti della musica, infine, nello spazio del Faro sabato arriva la musica degli anni Duemila con l’animazione di Festiva 2000, mentre al Borgo appuntamento con il soul, il punk e il reggae di Fare Festa.

About Emanuele Bompadre 8266 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.