Fiumicino, arrivano gli immigrati: i cittadini non ci stanno

In questo periodo di incertezza tra la politica che non risponde e una crisi economica che, a quanto se ne dica, non accenna a diminuire, l’incubo maggiore dei cittadini e di ritrovarsi come vicini di casa un centro di accoglienza di immigrati. Facciamo attenzione spesso alla base di questa paura non c’è il razzismo ma la paura che non ci sia un controllo adeguato da parte delle istituzioni e di chi deve rendere questo passaggio sicuro e senza che ci sia sofferenza non solo sotto il punto di vista di vivere una vita serena ma anche quella di una svalutazione degli immobili che sono nel circondario.

Con la consapevolezza che leggendo queste prime righe molti lanceranno il telefono, il tablet o il pc fuori dalla finestra additandoci di essere poco sensibili alle problematiche di alcuni territori e dei suoi abitanti colpiti dalla guerra e costretti a scappare, vogliamo sottolineare che anche molti nostri connazionali stanno combattendo una battaglia, quella degli stipendi sempre più bassi, dei mutui che strozzano l’economia familiare, l’equilibrio delle famiglie stesse che spesso si sgretolano sotto il peso di spese e tasse che la attanagliano. Leggiamo post, articoli e tweet che si deve tendere la mano ma chi lo fa lo scrive solo oppure lo fa davvero?

È notizie di poche ore fa che a via Giorgio Bombonati, una traversa di Via Trincea delle Frasche ad Isola Sacra, una cooperativa ha vinto il bando per portare sul territorio circa 50 immigrati che occuperanno una struttura proprio all’inizio della strada.

13659189_915685391887749_2310620695566480964_nIl sindaco Esterino Montino ha già provveduto a scrivere una lettera al prefetto per sottolineare la criticità di tale situazione visto che il comune di Fiumicino già si è adoperato ad accogliere numerosi richiedenti asilo, ma la cooperativa si è aggiudicata in maniera legittima il bando e nulla si può fare anche se l’amministrazione è contraria.

Non dello stesso parere le forze di opposizione del centro destra: “Il sindaco Montino dovrebbe fare il piacere di risparmiarci almeno la scenata e la finta opposizione all’arrivo dei 50 immigrati all’Isola Sacra. – dichiarano in una nota Federica Poggio William De Vecchis e Mauro Gonnelli – Sa della realizzazione di una struttura di accoglienza nel nostro Comune da oltre un anno e mai si è opposto con i fatti. Ne è la prova l’ordine del giorno, presentato a marzo 2015 dall’opposizione, in cui si chiedeva un netto ‘no’ al primo cittadino alla realizzazione di strutture di accoglienza nel nostro territorio. Documento questo bocciato da Montino e la sua maggioranza che in quel caso sottolineò come strutture del genere siano al contrario utili e aiutino a combattere la crisi economica. Evidentemente pensavano alle cooperative rosse che sull’accoglienza hanno fatto affari d’oro.”

In questa situazione si dimentica sempre che le criticità arrivano dai contrasti, i contrasti che derivano da una convivenza non voluta dai cittadini e che oggi alle 18:30 andranno sotto la struttura per manifestare il loro disappunto.

La domanda è: lo slogan “Prima gli italiani” è davvero razzismo come molti continuano a dire? Quando questo slogan lo dicono mamme, persone anziane  (che magari sono state emigranti da giovani, ndr) e persone che sappiamo non essere legate a nessuna forma di razzismo forse non dovremmo domandarci che c’è un errore in questo tipo di politica?

Foto: Profilo facebook Fabrizio Pagliuca

loading...
Informazioni su Emanuele Bompadre 9933 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.