9 dicembre 2016

La gestione delle risorse umane: un valido sbocco lavorativo per i laureati in scienze umanistiche

Il mercato del lavoro è finalmente tornato in movimento: nei primi mesi di quest’anno, il tasso di disoccupazione è sceso all’11,7%, come rilevato dall’Istat. Si tratta di una percentuale ancora lontana da quella del periodo antecedente alla crisi economica e all’ondata di fallimenti e licenziamenti che ne sono scaturiti, ma insieme ad altri segnali incoraggianti, come la crescita del PIL e la ripresa del settore industriale, questo dato lascia ben sperare per quanto riguarda il ritorno ad una situazione di sviluppo del paese.

Se i dati generali mostrano un trend positivo, va detto che la situazione delle giovani generazioni, invece, risulta essere ancora critica: i ragazzi con età compresa tra i 15 e i 24 anni che non riescono a trovare un lavoro sono il 36,9% del totale, con punte ben superiori quando si prendono in considerazione le regioni del meridione.
La situazione non migliora neanche quando si considera la fascia dei 25-34 anni, dove la disoccupazione tocca ancora il 17,4%.
Inoltre, desta particolare preoccupazione il dato relativo ai “neet”, ovvero ai ragazzi che non risultano essere impegnati in un’attività lavorativa né coinvolti in alcun tipo di percorso formativo: secondo recenti stime, l’esercito dei giovani inattivi avrebbe raggiunto quota 2,3 milioni.

Mentre il mondo del lavoro continua a sembrare precluso per i giovani italiani, anche quello della formazione universitaria attraversa una fase di profonda crisi. Il numero dei nuovi immatricolati negli atenei della penisola è in costante calo da ormai più di un decennio: gli iscritti persi ammontano ormai ad oltre 65.000, con una riduzione in termini percentuali pari al 20%.
La scelta di non investire nella propria formazione è una conseguenza diretta delle difficoltà economiche vissute dalle famiglie italiane in questi anni, come pure dell’aumento delle tasse universitarie e, in generale, del costo della vita per i giovani che sono costretti a trasferirsi per proseguire gli studi.
Se a questi problemi oggettivi si aggiungono i dubbi sulla effettiva utilità della laurea nel mondo del lavoro, diventa facile intuire il perché del crollo del numero delle nuove matricole.

In realtà, la laurea è ancora oggi uno strumento molto utile quando si tratta di accedere a posizioni di prestigio. L’unico limite della formazione universitaria, spesso, è rappresentato dalla mancanza di un’esperienza diretta nel settore di riferimento, indispensabile per acquisire le conoscenze e gli strumenti pratici per svolgere le proprie mansioni sul posto di lavoro.

Un esempio lampante di questa situazione è rappresentato dai molteplici sbocchi occupazionali ai quali possono accedere i giovani laureati presso le facoltà di scienze umanistiche. Tra questi, è possibile citare l’ambito della gestione delle risorse umane, che negli ultimi anni è cresciuto in maniera esponenziale, tanto che molte aziende di medie e grandi dimensioni incontrano difficoltà nel reperire figure professionali con il giusto livello di specializzazione.

Eppure, le soluzioni per acquisire tutte le nozioni teoriche e pratiche necessarie per sfruttare gli studi in ambito umanistico e avviare una carriera nel settore delle risorse umane non mancano certo: i master di specializzazione, ovvero i corsi post-laurea erogati da università e istituti privati, rappresentano ormai un must per chi intende sviluppare competenze avanzate in un breve arco di tempo.

La professione di specialista delle risorse umane: come scegliere il master giusto

Frequentare un master di buona qualità offre molti vantaggi ai giovani neolaureati: oltre ad acquisire competenze altamente specifiche e definire il proprio profilo professionale, i corsi erogati dai migliori istituti prevedono anche la possibilità di accedere direttamente a stage e tirocini in azienda, utili sia per mettere subito alla prova il proprio know how che per trovare un’immediata collocazione nel mondo del lavoro.

Tra i corsi di specializzazione post-laurea più prestigiosi nel campo delle Human Resources si segnala il Master in risorse umane della Meliusform, giunto alla sua 24a edizione.
Il master erogato dalla nota Business School che tiene i suoi corsi sia a Roma che a Milano ha una durata pari a 5 mesi, per un totale di quasi 90 ore di lezione (in formula weekend per agevolare i lavoratori), suddivise tra tradizionali ore di insegnamento frontale ed esercitazioni improntate alla pratica, durante le quali gli studenti analizzano insieme con i docenti situazioni reali (case study) e si immedesimano nel ruolo di addetto alla gestione delle risorse umane (role playing).

Per valutare la qualità di un master di specializzazione, è bene analizzare con attenzione il dettaglio dei programmi, degli obiettivi formativi e degli sbocchi professionali previsti.
Sul portale online della Business School Meliusform è possibile consultare il calendario delle lezioni, trovare informazioni sul curriculum dei docenti che tengono i vari moduli in cui si articola il master, conoscere le modalità di ammissione al corso e tutti i costi previsti.

In più, gli iscritti hanno libero accesso a tutto il materiale multimediale disponibile sulla piattaforma, che comprende persino registrazioni audio e video delle lezioni e archivi contenenti le dispense in formato digitale.

Il master in risorse umane erogato da Meliusform consente di affrontare argomenti cardine delle attività dell’addetto HR, come le modalità di selezione dei curriculum, l’organizzazione dei colloqui, la gestione dei rapporti e dei contratti di lavoro con i dipendenti e con il sindacato, lo sviluppo di strategie mirate a valorizzare il capitale umano dell’azienda e a incentivare l’aggiornamento e l’acquisizione di nuove skill da parte dei lavoratori.

Al termine del master, aperto sia ai laureati di primo e di secondo livello che ai professionisti attivi nel settore che vogliono approfondire le proprie conoscenze e acquisire crediti per la formazione continua, è previsto il conferimento di un attestato che certifica la partecipazione al corso e all’acquisizione di tutte le competenze operative necessarie per operare all’interno di un ufficio delle risorse umane.

In generale, la chiave per una carriera di successo, oggi più che mai, sta nello sviluppo di competenze tecniche altamente specifiche, immediatamente spendibili anche all’interno delle realtà aziendali più complesse.
Scegliere di investire nella propria formazione e nel proseguimento degli studi, dunque, rappresenta la strategia migliore per potersi assicurare un futuro brillante.