10 dicembre 2016

Italiano MX Junior 2016, si parte con le fasi finali da Ponte a Egola

Domenica prossima si disputerà, a Ponte a Egola (PI), la prima delle tre finali del Campionato Italiano Motocross Junior, le prossime tappe si terranno il 4 settembre a Esanatoglia (MC) e per  concludere il 18 dello stesso mese a Ottobiano (PV), che dopo sei prove selettive, tre per la zona Nord ed altrettante per la Zona Centro-Sud, entra nella fase decisiva.

Vedremo schierarsi ai cancelletti 48 giovani talenti, divisi in egual numero tra Nord e Centro Sud, che si daranno battaglia fino all’ultimo giro nelle classi 125 cc, 85  cc  Senior,  85  cc  Junior  e  65  Cadetti. Se il prologo, di questi tre appuntamenti finali, sono state le gare selettive allora lo spettacolo è assicurato. I giovani crossisti correranno su piste più difficili rispetto a quelle delle sei prove precedenti, che servono ad avvicinare un grande numero di piloti alla specialità del motocross ed al Campionato Italiano Junior. I numeri dei partecipanti che hanno superato le mille presenze, testimoniano il successo della strategia di promozione  messa in  atto dal Gruppo di Lavoro per il Minicross.

Il Campionato Tricolore è un trampolino di lancio per le giovani promesse del motocross nei campionati internazionali dove iniziano ad arrivare i primi risultati. Un esempio è il Campionato Europeo che annovera tra i protagonisti della classe 125 cc: Gianluca  Facchetti ed il  sammarinese  Andrea  Zanotti, mentre è più timida l’affermazione, sempre nello stesso campionato, di   Paolo Lugana, Yuri Quarti e Mattia Guadagnini. Nelle finali del 23 e 24 luglio a Loket (Repubblica Ceca) sono previsti, diversamente dall’anno scorso in cui erano solo 3 gli italiani, 8 piloti: Kevin Cristino, Mattia Capuzzo, AlbertoBarcella  e  Alessandro  Facca  nella  85  cc; Matteo  Luigi  Russi,  Simone  Pavan,  Valerio Lata e Filippo Farioli nella 65 cc.

“Stiamo  raccogliendo  i  primi  frutti,  anche  grazie  all’ottimo  lavoro  del  Settore  Tecnico e dell’organizzazione  impostata  nel  2015”, spiega  il  Coordinatore  del  Gruppo  di  Lavoro FMI,  Marzio  Leoncini. “L’anno  scorso  abbiamo  rivoluzionato  il  Minicross  italiano  e, siccome la formula funzionava, nel 2016 abbiamo seguito la stessa linea. Si tratta di un lavoro a medio termine i cui effetti si vedranno negli anni a venire, intanto però stiamo avendo le prime soddisfazioni. Tra queste, annovero il fatto che nell’ambiente c’è molto entusiasmo e i rapporti con la FMI sono di collaborazione. Il nostro obiettivo è quello di rendere  i  giovani  italiani  competitivi  a  livello  internazionale,  e  per  fare  ciò  dobbiamo alzare di anno in anno il livello del Campionato Italiano Motocross Junior. Dalle finali mi aspetto  bagarre  in  pista,  sportività  e  spettacolo.  Sono  sicuro  che  i  ragazzi  ci  faranno divertire molto!”.