9 dicembre 2016

Roma, Santori-Figliomeni: “7 asili nido in chiusura, a spasso centinaia di bambini e lavoratori”

“Con la chiusura di 7 asili nido assistiamo all’ennesimo colpo basso che le istituzioni locali con il proprio immobilismo infliggono costantemente alla scuola e alle politiche educative della Capitale oltre che affossare decine di famiglie e di lavoratori. E’ inaccettabile che le strutture che in questi anni, con professionalità, sono state a disposizione delle famiglie si ritrovino oggi a chiudere i battenti per i gravi ritardi di cui è responsabile la stessa amministrazione capitolina che ha deciso di ricollocare oltre 700 bambini in altre strutture, senza che i genitori abbiano potuto precedentemente scegliere la sede più consona alle proprie esigenze di spostamento. Inoltre tali spostamenti di fatto avranno conseguenze su altri bambini che verranno esclusi dalle graduatorie almeno che non si decida di formare delle classi pollaio con il superamento del rapporto educatrici-bambini. Un papocchio a cui deve rimediare immediatamente il sindaco Raggi” lo dichiarano in una nota gli esponenti di Fratelli d’Italia, Fabrizio Santori, consigliere regionale e, Francesco Figliomeni, consigliere capitolino in merito alla recentissima nota ufficiale del Dipartimento Scuola di Roma Capitale che comunica la ricollocazione dei bambini già in graduatoria nelle 7 strutture in gestione a terzi distribuite in 6 municipi coinvolti IV – VI – IX – XII – XIII – XIV e che verranno chiuse coattivamente.

“Di esempi di nidi in concessione rinnovati o riaffidati sulla base del Codice degli Appalti entrato in vigore 3 mesi fa l’Italia è piena e non riusciamo a capire come mai proprio a Roma, dove la richiesta di asili nido è altissima vista l’alta concentrazione demografica, avvengano vergognosi ritardi di questo tipo nell’applicazione delle regole. Ad oggi sono 7 le strutture che si intendono chiudere nonostante la loro inclusione nelle graduatorie per il 2016/2017, senza tenere conto che ora con la riduzione del numero dei posti disponibili, centinai di genitori si ritrovano senza un nido e costrette a riorganizzare i propri equilibri familiari ed economici. Queste leggerezze da parte di Roma Capitale sono la dimostrazione ulteriore che le politiche familiari vengono sottovalutate a discapito dei cittadini, onesti contribuenti che si sacrificano senza ottenere in cambio i servizi che gli spettano. Chiediamo con le famiglie coinvolte la stesura di un nuovo bando o la proroga della concessione affinché non vengano in alcun modo toccati i diritti delle famiglie e tutelata l’educazione primaria dei bambini della Capitale” concludono Santori e Figliomeni.

About Emanuele Bompadre 8279 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.