3 dicembre 2016

10,7 miliardi di euro per la second hand automotive: il 39% delle vetture passa online

Il mercato dell’usato è oggi un paradigma economico e sociale che genera un volume di affari pari a 18 miliardi di euro (più dell’1% del PIL italiano), di cui l’online pesa circa il 40% per un valore complessivo di 6,8 miliardi. La ricerca DOXA* commissionata da Subito, azienda n.1 in Italia nella compravendita online con oltre 8 milioni di utenti unici**, evidenzia come l’automotive valga 10,7 miliardi (59,5%), confermando il forte impatto che questo settore ha all’interno dell’economia del Paese. In questo scenario, il mercato online dell’automotive vale 4,2 miliardi di euro (39% di tutto il mercato automotive), ovvero il 62% di tutta la second hand economy online.

Il mercato dell’usato automotive è un mercato che cresce del 9,1% YoY per un totale di oltre 4,7 milioni di passaggi di proprietà nel 2015*** e il 25% del totale dei veicoli usati venduti in Italia passa attraverso Subito con oltre 1,1 milioni di vetture. La categoria Motori è la più visitata di Subito: ogni giorno sono infatti circa 23.000 i nuovi annunci auto inseriti (1.622.000 la media mensile nel 2015) e 1 italiano su 3 rivela di utilizzare la piattaforma per trovare l’auto desiderata. Nel 2015 sono stati oltre 8,3 milioni gli annunci automotive di cui 5,1 milioni sono state le auto, 730.000 i veicoli commerciali, 141.000 caravan e camper e 2,3 milioni gli accessori auto.

“Motori è per noi la categoria più importante con il 30% di tutti gli annunci e oltre 3 milioni di visitatori al mese”, afferma Melany Libraro, General Manager di Subito. “Motori vuole diventare il punto di riferimento del business automotive in Italia e Subito il partner di rilievo per le case automobilistiche e per i concessionari”.

La compravendita dell’usato genera un volume di affari che si attesta su una spesa media per ogni acquisto di circa €5.500 per le automobili e di €6.600 per i veicoli commerciali. Chi acquista un veicolo di seconda mano lo fa principalmente per risparmiare (40% auto, 56%veicoli commerciali) e perché è un modo intelligente per fare economia (20% auto, 5% veicoli commerciali). La compravendita avviene solitamente all’interno della provincia di residenza (80%) e all’interno della città di residenza dell’acquirente (52%). Il 62% di chi compra e il 69% di chi vende online rivela infine che si affiderà nuovamente al mercato del Second Hand per comprare o vendere il proprio veicolo.

Tra i motivi che spingono le persone ad acquistare e vendere beni usati online c’è il desiderio di contribuire a salvaguardare il pianeta riducendo l’impatto ambientale. Schibsted Media Group, multinazionale norvegese, ha per la prima volta quantificato**** il risparmio potenziale in termini di emissioni di anidride carbonica derivanti dalla compravendita di beni usati per 5 marketplace europei del Gruppo, di cui fa parte anche Subito. Nel 2015 gli utenti di Subito hanno permesso il risparmio di 3,4 milioni di tonnellate di CO2 che derivano per l’80% (2,7 milioni di tonnellate) dal mondo automotive e sono pari al blocco totale del traffico per 25 mesi a Milano o per 8 mesi a Roma.