5 dicembre 2016

Ricci, Vice Presidente Ass. PD: “PD deve fare gioco di squadra per il referendum”

Matteo Ricci, Vice Presidente dell’Assemblea Nazionale del Pd e sindaco di Pesaro, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Riguardo la direzione Pd di ieri. “C’è bisogno di un partito che faccia gioco di squadra –ha affermato Ricci-. Non si può andare avanti sperando che la partita la vincano gli altri per cambiare il capitano. Non possiamo vivere in un clima di congresso permanente, questo ci fa perdere voti. Noi abbiamo salvato la legislatura perché ci siamo presi l’impegno di fare le riforme, ci aspettiamo che tutti mettano in campo le proprie forze per il referendum di ottobre affinchè diventi un grande gol per il Paese”.

Referendum. “Non ci troviamo di fronte ad un voto di coscienza –ha spiegato Ricci-. Ci troviamo di fronte ad una riforma che il Parlamento ha votato per ben 4 volte e che la minoranza Pd ha contribuito a scrivere nella sua ultima versione. Una campagna per il No sarebbe incomprensibile da tutti i punti di vista. Questo diventerà un referendum anche sulla forza, la credibilità e l’autorevolezza dell’Italia per salvare l’Europa, visto quello che è accaduto con la Brexit. Penso che dobbiamo sforzarci di entrare nel merito della riforma. Tutti coloro che dicevano di diminuire i parlamentari perché costano troppo, tutti coloro che dicevano che il percorso legislativo in Italia è troppo farraginoso, tutti coloro che dicevano che bisogna ridurre il costo dei consiglieri regionali non possono non essere d’accordo con questa riforma. Se noi stiamo nel merito credo che le ragioni del Sì sono tantissime, anche perché una vittoria del No lascerebbe le cose come stanno. Gran parte della minoranza farà la campagna per il sì coerentemente, è chiaro che voglia evitare che si dia un taglio esclusivamente legato al futuro del leader. Che interesse deve avere un militante del Pd a sperare che il proprio leader perda? C’è un congresso per questo”.

L’uscita di De Luca su Raggi. “De Luca ci ha abituato ad un linguaggio colorito –ha affermato Ricci-. Da questo punto di vista non distingue fra uomini e donne, non è misogino. L’uscita di ieri sulla Raggi ovviamente è stata infelice”.

Fonte: Radio Cusano Campus