11 dicembre 2016

Musulmani d’Italia, appello Foad Aodi: “#noimettiamolafacciacontroDaesh. Dedichiamo la festività di Eidi alla preghiera per le vittime”

‘Un Ramadam di sangue come non se ne erano mai visti prima d’ora’ così il Prof. Foad Aodi Presidente delle Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e Focal Point in Italia per l’integrazione per l’Alleanza delle Civiltà (UNAoC) descrive gli eventi che hanno insanguinato gli ultimi giorni. Ma Daesh è oggi più debole che mai – ne è sicuro Aodi – ‘rimane un simbolo di terrore che si basa sugli attacchi di lupi solitari che poi il “Consorzio del terrore di Daesh” si accredita senza che vi siano reali prove del suo coinvolgimento’. ‘Per stroncare Daesh in crisi e fermare il “Franchising del Terrore” – continua Aodi – bisogna andare oltre la condanna senza se e senza ma, che la Co-mai ha già espresso con forza dall’inizio della comparsa di Daesh ed ha risposto in tempo reale sabato 2.07 davanti alla Farnesina all’appello del Ministro Paolo Gentiloni e del Presidente del Consiglio Matteo Renzi . Occorre bloccare il controllo di droga, armi, riciclaggio, propaganda mediatica, i lupi solitari che nutrono il Califfato’ e non solo. ‘La lotta a Daesh , che tenta di innescare la terza guerra mondiale, quella dello scontro inter-religioso e interculturale, deve puntare sulla lotta militare, economica e mediatica, e fare scudo contro il razzismo strumentalizzato di politici razzisti ed estremisti e Tv , Giornali e Radio – ormai schierati in modo netto contro l`islam e gli immigrati e non ci coinvolgono mai per paura di essere smentiti e smascherare la loro strumentalizzazione mediatica – che alimenta il rancore dei lupi solitari in occidente. Meschini nel dichiarare che i musulmani non fanno nessuna dichiarazione contro il terrorismo sapendo di mentire e di promuovere una cattiva informazione che non aiuta la buona convivenza e l’integrazione’.
Lanciamo Il nostro appello #noimettiamolafacciacontroDaesh a tutti le comunità ,associazioni e cittadini italiani, arabi, musulmani, ebrei e di origine straniera – conclude Aodi – e dedichiamo questo Ramadan di sangue e la festa sacra dell’Eid che sarà celebrata giovedì alle vittime del terrorismo e dell’immigrazione irregolare e ai rifugiati: non canti di gioia ma preghiera nelle Moschee per i morti e contro la violenza ed il terrorismo cieco che non ha religione ne’ civiltà.

‘Dare più voce alla comunità straniera e islamica in Italia attraverso accordi per la libertà di culto, evitando l’interpretazione del Corano fai da te, No alle moschee ed imam fai da te e lotta alle discriminazioni razziste` questo – secondo Aodi – deve essere l’atteggiamento dell’UE. L’impegno dell’Europa della solidarietà – conclude Il Presidente della Co-mai – deve sostanziarsi nella cooperazione economica e sanitaria con i paesi di origine e nel sostegno responsabile all’immigrazione, mentre i profughi continuano a morire nel viaggio della speranza di una vita libera e al riparo da violenze e abusi, di cui sono vittime soprattutto donne e bambini.