7 dicembre 2016

Su il sipario per Teatri di Pietra all’anfiteatro romano di Sutri

A Sutri si rinnova l’appuntamento con la cultura. Al via infatti, il 7 luglio presso l’anfiteatro romano, Teatri di Pietra a cura di Pentagono Produzioni e Circuito Danza Lazio, in collaborazione con il Comune di Sutri ed il Patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale  e la Regione Lazio.

La rassegna, giunta quest’anno, alla XVII edizione si propone di valorizzare i teatri antichi ed i siti monumentali attraverso lo spettacolo dal vivo ed una rete culturale di più soggetti.

Sono oltre venti, infatti, le aree coinvolte in diverse regioni, dalla Toscana alla Sicilia, che ospiteranno gli appuntamenti di una programmazione dedicata ai temi del Mediterraneo e del Mito che trasfigurano in “materia sensibile” per approcciare il contemporaneo attraverso il rito del teatro.

Un percorso che unisce arte, cultura, storia e paesaggio, con l’obiettivo di promuovere e valorizzare il patrimonio storico-paesaggistico italiano.

Anche i numeri degli artisti impegnati nel progetto diretto da Aurelio Gatti sono straordinari, ben settanta persone  coinvolte.

Tra di loro  Sebastiano Tringali, Maurizio Donadoni, Giancarlo Sammartano,  Barbara Bovoli Manuele Pica, Cinzia Maccagnano, Dario Garofalo, Vincenzo Zingaro, Giuseppe Argirò

In cartellone sette spettacoli, dal 7 al 31 luglio.

Ad aprire la rassegna, il teatro danza di “Anghelos”, drammaturgia di Maurizio Donadoni, regia e coreografia di Aurelio Gatti, con Sebastiano Tringali, Rosa Merlino e Carlotta Bruni

“il messaggero” ha terminato la sua “funzione” perché non c’è più una comunità recipiente a cui portare la narrazione di quanto avvenuto.

…. Nella tragedia greca, il personaggio del messaggero (ἄγγελος) aveva la funzione di narrare i fatti avvenuti fuori della scena, cioè di solito proprio gli avvenimenti più drammatici, che nel teatro greco non erano rappresentati direttamente ma solo raccontati.

… La figura del messaggero è intimamente connessa con l’attesa: del personaggio assente, tratteggiato attraverso un graduale precisarsi delle informazioni che lo disegnano, come in Persiani, Agamennone, Trachinie …. che può essere un nemico – come nelle Supplici, o un salvatore come in Andromaca o Elettra …

Al messaggero spetta il compito di introdurre, narrare, descrivere quanto trascorso eppure atteso come un’ultima ed estrema testimonianza. Ed è legittimato dalla comunità ( Tebe, Micene come gli stessi  Spettatori…) che “attendono” …. un esito, una notizia, una soluzione, una progressione … una conclusione, un eroe o una schiera…

Sicuramente, sempre a meno, interessa conoscere quanto è avvenuto, come è avvenuto… e il testimone – suo malgrado – è ridotto a un “approfondimento” della storia, un’opzione marginale di una vicenda che si preferisce non … conoscere… e malgrado lo sforzo estremo nel portare a termine il suo compito, e così il messaggero non ha più alcuno che lo attende.” Cit. Aurelio Gatti

PROGRAMMA 

GIOVEDI’ 7 LUGLIO

ANGHELOS

DOMENICA 10 LUGLIO 2016

ARIANNA HA PERSO IL FILO 

DOMENICA 17 LUGLIO

LA COMMEDIA DEL FANTASMA (MOSTELLARIA) 

VENERDI’22 LUGLIO 2016

TRUCULENTUS 

DOMENICA 24 LUGLIO

LE TROIANE

VENERDI’ 29 LUGLIO (ANTIQUARIUM)

EDIPO RE 

DOMENICA 31 LUGLIO

PENE D’AMOR PERDUTE 

Con il Patrocinio

MiBact Ministero dei Beni delle Attività Culturali e del Turismo

Regione Lazio – Assessorato alla Cultura 

In collaborazione

Comune di Sutri 

Area archeologica di Sutri Via Cassia  (Sutri/Viterbo)

Inizio spettacoli: 21,15 

Ingresso 12 euro

Ridotto 10 euro: convenzionati/associazioni/studenti