10 dicembre 2016

Roma, ecco come i paraplegici ritornano a camminare “Facciamo quattro passi “

All’improvviso quello che sembrava impossibile solo qualche tempo fa è diventato possibile. Gli affetti da paraplegia, ovvero la condizione in cui la parte inferiore del corpo di una persona è affetta da paralisi motoria e/o carenza funzionale, possono tornare di nuovo a camminare grazie agli ultimi ritrovati della tecnologia come l’ Esoscheletro ReWalk ed al Progetto “Facciamo quattro Passi”, una iniziativa voluta dall’Università degli Studi di Roma del “Foro Italico”.

Sviluppato nel Settembre 2015 proprio grazie alla sua Fondazione, da sempre attenta alle problematiche socio sanitarie, il progetto ha lo scopo di coadiuvare l’Università nello sviluppo della ricerca e della formazione nell’ambito delle attività motorie, dello sport e del benessere psico-fisico nella sua più ampia accezione. L’obiettivo è quello di permettere alle persone con lesioni spinali di “fare quattro passi” utilizzando un esoscheletro robotico, in base anche all’evidenza scientifica che camminare in posizione eretta, anche se per poco tempo durante la giornata, permette di avere enormi benefici fisici.

E’ importante sottolineare che, al giorno d’oggi, gli esoscheletri non sostituiscono la carrozzina ma consentono di trascorre alcune ore della giornata “in piedi”, dando all’utilizzatore la possibilità di “guardare il mondo all’altezza degli occhi”. L’Esoscheletro della ReWalk è l’unico approvato dalla FDA (Food and Drug Administration) anche in ambito domestico. Il progetto, infatti, viene svolto all’interno di una palestra e non in un ambiente ospedaliero. Ciò costituisce una nuova opportunità di trattamento perché inserito in un contesto sportivo e dinamico, al di fuori di quello riabilitativo sanitario tradizionale. Attraverso un approccio simile ad un “allenamento”, si cerca di aumentare la motivazione all’esercizio fisico e di dare l’opportunità alle persone con lesioni spinali di svolgere attività motorie paragonabili a quella svolta dalle persone normodotate. Alcuni dei benefici associati ad un allenamento regolare attraverso l’esoscheletro robotico sono:

  • miglioramento del controllo del tronco, della funzionalità cardiocircolatoria, respiratoria, intestinale e della forza muscolare (potenziamento degli arti superiori);
  • prevenzione dell’osteoporosi e riduzione dell’incidenza delle fratture da fragilità;
  • riduzione del dolore, del grasso corporeo e guarigione delle ulcere da decubito.

Le testimonianze di chi, attraverso questo progetto, ha utilizzato e continua ad utilizzare l’esoscheletro, hanno evidenziato anche dei benefici psicologici derivanti sia dal ritornare a camminare sia dalla possibilità di allenarsi e vivere questa esperienza in gruppo in un ambiente non sanitario. Per provare gratuitamente l’esoscheletro è possibile, chiamando il numero +39 333 7688321 o recandosi al Centro ReWalk Roma presso la Fondazione Universitaria “Foro Italico”, Piazza Lauro de Bosis n° 15 Roma. “Camminare aiuta il pensiero. Lasciarsi guidare dai propri passi, meglio ancora se senza meta, conduce la mente in un altrove che diventa scoperta” affermava Nietzsche, e l’intento del progetto Esoscheletro Rewalk e “Facciamo quattro passi” è proprio quello di condurre la mente ed il corpo dei paraplegici “altrove”, verso nuove e continue scoperte.