10 dicembre 2016

Italia tra isis e nazionale

Flag of Italy over cracked background

Isis o non Isis. E’ questo il dilemma degli esponenti governativi dei servizi di intelligence e su cui si interrogano anche i media, dopo lo shock suscitato dal massacro di 20 civili stranieri, tra cui 9 italiani, compiuto venerdì nella Holey Artisan Bakery di Dacca.

Secondo il Ministro dell’Interno l’attentato sarebbe stato messo a punto da giovani terroristi rampolli di ricche famiglie locali arruolatisi nelle file della jihad “per moda”. Ma ora, isis o non isis. Perché mai stavolta non siamo tutti Bangladesh? O non preghiamo per Dacca come accaduto dopo Charlie Hebdo, il Bataclan o Bruxelles? Esistono forse morti di serie a e di serie b? Eppure in questo attentato sono morti dei nostri connazionali, delle persone legate come noi alla nostra terra.

Dove sono finiti tutti gli ashtag ampiamente sbandierati su Facebook e su Twitter per gli attentati precedenti?  Certo, sull’informazione, oserei dire quasi spicciola, dei telegiornali, la notizia è stata quantomeno riportata, ma dove sono finite le dirette tv dei blitz, che tutti avevamo seguito, al tempo di Parigi o Bruxelles, col fiato sospeso? Nessun segno.  Forse perché l’attentato è stato fatto troppo lontano dal divano di casa dove tutta l’Italia era seduta, ben comoda, a guardare la tv?

Questa volta, il fiato sospeso, i cari italiani, lo hanno avuto ai rigori di Italia-Germania, con le loro birre ghiacciate in mano, mentre speravano che l’Italia vincesse.

Giustamente il nostro “bel paese” era troppo preso a fare pronostici sulla partita, unica preoccupazione che ha accomunato tutta la penisola nell’ultima settimana, partita che tra l’altro è stata persa.  E giù articoli, servizi, interviste. Senza sosta e senza pietà. Ma d’altronde parliamo del paese in cui viene esposto il tricolore sono quando gioca la nazionale, poco ci importa se sono morte delle persone, italiane per giunta, poco ci importa se tutto va a rotoli, si continua a seguire gli “azzurri”, ad oltranza. La cosa fondamentale è la nazionale di calcio, il resto è di poco conto.

Siamo davvero arrivati a tanto? Davvero siamo al punto di infischiarcene di tutto ciò che succede perché gioca l’Italia? Ma sul serio? 10 tizi che corrono dietro a un pallone e 1 che cerca di pararlo, contano più di quanto accade nel mondo?

E adesso? Ora che sono usciti dagli europei? Quale sarà il nuovo leitmotiv? Molto probabilmente i saldi o la nuova canzone dell’estate. Complimenti.