6 dicembre 2016

Il saluto di Conte

Italy's head coach Antonio Conte attends a news conference in Baku, Azerbaijan, October 9, 2015. Italy will play a Euro 2016 qualification match against Azerbaijan on Saturday. REUTERS/David Mdzinarishvili

Il giorno dopo la sconfitta ai rigori con la Germania, nell’hotel che ospita il ritiro della Nazionale a Montpellier si respira il rammarico per essere arrivati ad un passo dalla semifinale. Ma la delusione lascia spazio anche all’orgoglio, alla consapevolezza di essere usciti a testa alta dopo aver giocato alla pari con i campioni del mondo in carica. E’ stata un’avventura emozionante quella della Nazionale di Antonio Conte, un percorso ad ostacoli iniziato il 9 settembre 2014 nelle qualificazioni, chiuse al primo posto in classifica da imbattuti con 7 vittorie e 3 pareggi, e proseguito in Francia tra infortuni e un tabellone mai così difficile, con gli Azzurri capaci di vincere il proprio girone davanti al Belgio e di battere agli ottavi i campioni d’Europa della Spagna prima di arrendersi solo ai rigori nei quarti di finale.

“Sono emotivamente molto coinvolto – confessa Antonio Conte, salutato dal caloroso applauso di tutti i giornalisti presenti nella sala stampa di ‘Casa Azzurri’ – ancor più oggi rispetto a ieri perché il giorno dopo realizzi che è finita. Dispiace tanto per i ragazzi, per me è stato un grande onore allenarli, mi hanno dato davvero tutto quello che avevano. Ci tengo a ringraziare lo staff, i cuochi, i magazzinieri e tutte le persone che hanno lavorato con noi. Un particolare ringraziamento va a Mauro Vladovich e a Lele Oriali, ho conosciuto in questi due anni una persona dai grandi valori. Ringrazio il presidente Tavecchio per avermi dato la possibilità di vivere questa esperienza straordinaria e mi auguro che sia un arrivederci e non un addio”.

Il Ct ha poi ringraziato la stampa: “Abbiamo lavorato due anni insieme, abbiamo imparato a conoscerci. So che non sono una persona semplice, ma mi sembra che siamo arrivati a un punto di stima reciproca. Mi sento in dovere di dirvi grazie per la collaborazione”. Infine un in bocca al lupo al suo successore sulla panchina azzurra: “Auguro tutto il bene possibile alla Nazionale e a Ventura. Sono convinto della bontà del lavoro fatto e che la FIGC abbia intrapreso una bella strada, che può portare in alto i nostri colori. L’obiettivo raggiunto in questo Europeo è che siamo rispettati da tutti dopo aver tenuto testa ai campioni d’Europa e del mondo”.

Dopo aver ricordato le vittime dell’attentato terroristico in Bangladesh, il presidente federale Carlo Tavecchio ha tracciato il bilancio dell’Europeo ringraziando tutte le persone che hanno lavorato alla spedizione francese, a cominciare dal direttore generale Michele Uva  e al vicedirettore generale Francesca Sanzone: “Abbiamo raggiunto dei risultati davvero eccellenti – ha sottolineato il numero uno della FIGC – e ringrazio il popolo italiano che è tornato nelle strade con la maglia azzurra. Abbiamo ottenuto dei conti economici perfetti, non abbiamo sperperato e abbiamo dimostrato che non utilizziamo fondi pubblici o privati per sciocchezze. Oggi non siamo qui a salutare, andremo avanti subito. Dobbiamo ripartire da qui, la strada è tracciata”.

Con il Ct in questi anni si è instaurato un legame molto profondo: “Abbiamo avuto la fortuna di incontrare una persona splendida, un condottiero, che ha costruito quello che doveva costruire con razionalità scientifica. Sono sicuro che farà bene nella sua prossima avventura al Chelsea e, visto che ha dalla sua anche l’età, potrebbe tornare presto in Nazionale”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5970 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.