5 dicembre 2016

Gasparri a getto su Di Maio, referendum e legalizzazione della cannabis

Il capogruppo del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri, all'arrivo a Palazzo Grazioli per l'ufficio di presidenza presieduto dal premier Silvio Berlusconi, questo pomeriggio 01 giugno 2011 a Roma. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

 

Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia e vicepresidente del Senato, è intervenuto stamattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso di ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio. Diverse le tematiche affrontate da Maurizio Gasparri, che ha voluto rispondere per prima cosa a Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera.

Nel rispondere a Di Maio e alla sua intervista rilasciata ieri al Giornale, Gasparri ha detto: “Non c’è nessuna sintonia tra il Movimento Cinque Stelle e i moderati. Sono quattro imbroglioni, non basta comprare un vestito più decente dei propri colleghi di partito e andare dal barbiere ogni tanto per presentarsi come il presidente del consiglio. I grillini sono la più eversiva delle sinistre, hanno successo perché il degrado morale del Paese consente anche a un movimento demagogo come questo di avere successo. Capisco chi li vota, non mi fido di chi viene votato. I grillini hanno votato per l’abolizione del reato di immigrazione clandestina e in Parlamento sono per tutte le posizioni più estreme e terzomondiste. Quel ragazzetto (Di Maio) racconta fesserie, è un personaggio inconsistente, non so come si chiami…E’ il vicepresidente della Camera? Eh io sto al Senato, frequento poco la Camera…Non hanno alcuna sintonia con l’elettorato moderato”.

Sull’ipotesi di un nuovo patto del Nazareno Gasparri è categorico: “Noi vogliamo aiutare Renzi, siamo prontissimi a farlo, vogliamo aiutarlo a tornare a casa. Vogliamo restituirlo agli affetti della famiglia, al babbo, ai figli, lo aiuteremo a tornare a casa votando no ad ottobre. In questo caso siamo per il ricongiungimento familiare, non lo siamo per gli immigrati ma in questo caso sì. In Forza Italia è stato archiviato il periodo del Cerchio Magico, è stato affidato il ruolo di tesoriere a una persona saggia, esperta ed avveduta, come il senatore  Messina, che ha una esperienza enorme. Le parole di Confalonieri? Sono state utili, perché ha chiarito che Berlusconi non la pensa come lui e ha anche dimostrato che in Forza Italia siamo tutti compatti. Nessuno ha detto di pensarla come Confalonieri. Lui è un signore moderatissimo, ha tutto il diritto di dire ciò che pensa, ma ha premesso che quella espressa non è l’opinione di Berlusconi”.

Ancora su Confalonieri: “E’ amico di Berlusconi dalla prima ora, spesso quando lo incontro ci scherzo, su quella foto che lo ritrae con Berlusconi quando da giovani cantavano sulle crociere. Che lavoro ho fatto io da giovane? Volantinaggio, ma parliamo quando avevo 18-19 anni. E poi vendevo enciclopedie, all’epoca capitava di venderle anche porta a porta. Tornando a Confalonieri, ha fatto emergere una unità antirenziana in Forza Italia”.

Il Fatto Quotidiano ha scritto stamattina che Renzi chiamerà Jovanotti, Benigni e Buffon per sostenere il sì al referendum. Gasparri è ironico: “Questo è un vecchio vizio della politica, si pensa che con qualche star si possa risolvere. Craxi portò in parlamento Gerry Scotti. Se Jovanotti fa una canzoncina per il referendum sposta miliardi di voti (ironico), anche in Cina aspettano che dica come la pensa sul referendum. Scherzi a parte, spero che a nessuno interessi cosa pensano Jovanotti o Buffon sul referendum costituzionali. Il primo fa anche belle canzoni, dal secondo ci aspettiamo grandi parate domani in Italia Germani”.

L’ultima battuta di Gasparri è sulla proposta di legalizzazione della cannabis: “Vedremo se approderà o meno alla Camera il 25 luglio, non approderà in aula il 25 luglio, ma ammesso che la Camera la approvi rido, vedrete al Senato quanti anni ci stanno con una roba del genere. Questa roba non passerà mai”:

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?dl=9074

Fonte: Radio Cusano Campus