6 dicembre 2016

Ciclisti notturni, tra dinamo e torce led

 

Nelle notti d’estate la bicicletta è perfetta per spostarsi da soli e in compagnia: facendo sempre attenzione ad illuminare il sentiero con torce e luci dynamo.

Ecologica, economica e salutare: quale mezzo migliore per spostarsi per le strade di campagna e di città durante le belle giornate estive, se non una bicicletta? Pedalare è forse il modo più divertente per viaggiare o, semplicemente, per scoprire la propria città o per andare a scuola o al lavoro. Intramontabile mezzo per tutte le età, la bici è anche perfetta per spostarsi di notte, quando i mezzi pubblici non circolano più e le strade non sono affollate come nelle ore diurne. Occorre però fare attenzione all’illuminazione del nostro veicolo quando circoliamo su strade buie: grazie ai sistemi delle dinamo e alle nuove tecnologie delle torce a LED è possibile spostarsi senza che la via ci riservi brutte sorprese.

Per muoversi nottetempo su un mezzo come la bici, anche se troppe volte non è considerato necessario, è invece fondamentale conoscere le norme relative alle luci e alla segnaletica nelle diverse ore del giorno. Esiste infatti un regolamento riservato alle biciclette che, se trasgredito, può comportare il rischio di multe o, nel peggiore dei casi, situazioni estremamente pericolose.

Le norme stradali per i velocipedi sono estremamente dettagliate e complesse, soprattutto per quanto riguarda i requisiti tecnici necessari affinchè l’apparato di illuminazione possa essere omologato secondo le normative italiane. L’ articolo 224 del Codice della Strada relativo ai dispositivi di segnalazione visiva dei velocipedi ad esempio, precisa nel dettaglio i parametri che le luci anteriori e i dispositivi posteriori devono possedere. Inoltre, i valori minimi di intensità luminosa (secondo il comma 8), in millicandele riflesse per ogni lux di luce bianca incidente sui vari dispositivi, ed in funzione dei diversi angoli d’incidenza e di divergenza devono essere quelli indicati nell’appendice IV , comma 1, del presente titolo. Requisiti estremamente precisi, che non sempre le biciclette in circolazione non soddisfano.

Meno millimetriche sono le norme relative agli orari di circolazione: il comma 4 dell’art.377, infatti indica che “da mezz’ora dopo il tramonto, durante tutto il periodo dell’oscurità e di giorno, qualora le condizioni atmosferiche richiedano l’illuminazione, i velocipedi sprovvisti o mancanti degli appositi dispositivi di segnalazione visiva, non possono essere utilizzati, ma solamente condotti a mano”. Infine, è importante controllare periodicamente il corretto funzionamento delle luci e la pulizia dei catadiottri, per mantenerli efficaci ed assicurarsi che, in particolari situazioni, non sia addirittura necessario munirsi di giubbotto o gilet riflettente.

Negli ultimi anni è però estremamente facile illuminare la propria strada a prezzi convenienti: le tecnologie delle luci a LED per biciclette sono infatti estremamente efficaci e spesso vengono in nostro soccorso nei casi in cui vi siano problemi al sistema della dinamo: torce applicabili direttamente sul manubrio sono un pratico sostituto per godersi le proprie pedalate senza problemi e garantendo la sicurezza dei ciclisti notturni.