8 dicembre 2016

Viterbo, il programma della stagione teatrale Ferento 2016

16 LUGLIO 2016 – ORE 21.15

ROMEO E GIULIETTA

Balletto in due atti liberamente ispirato alla tragedia di William Shakespeare

musiche di Tciaikovsky

Coreografia e costumi Federico Veratti – Scenografie di Marco Pesta

La più grande storia d’amore in una nuova e straordinaria produzione ispirata alla tragedia di W. Shakespeare, di cui quest’anno si celebrano i 400 anni dalla morte. Una sinfonia di oro e argento domina la scena sia per gli splendidi costumi delle due famiglie rivali simboleggiate dai due colori, sia per le scene di Marco Pesta, reinterpretazione della tradizione veronese. Lo sfavillante oro dei Capuleti brilla nella festa in cui si conoscono i due giovani amanti che si incontreranno nuovamente sotto la dimora di Giulietta. Nella coreografia di Federico Veratti la ricchezza di passi trionfa nelle danze d’assieme, la ricerca di un’estetica personale si accentua negli emozionanti passi a due, i virtuosismi classici si fondono con armonia con espressioni moderne rivelando l’eccezionale padronanza della tecnica per giungere a dinamiche diverse e di diverso approccio. La musica di P.I. Čajkovksij è uno degli elementi caratterizzanti e la ricerca musicale commissionata dalla direzione artistica, iniziata a Mosca dal M° Bogarad e portata a termine dal M° Michele Rovetta, è stato un lavoro complesso, partito dagli archivi di Mosca con la prima stesura dell’opera cajkovskiana.   “Mi ritengo molto fortunato per aver avuto la possibilità di mettere in scena l’intramontabile storia di “Romeo e Giulietta” sulle musiche di Čajkovskji, concepita per gli straordinari artisti del Balletto di Milano. I passi su uno stile neoclassico sono accentuati dalla padronanza delle tecniche classica e contemporanea che contraddistingue i danzatori della Compagnia e ho cercato la caratterizzazione di ogni singolo personaggio attraverso una pantomima libera da vecchi manierismi. La contrapposizione delle famiglie Capuleti e Montecchi è definita dai colori oro e argento e gli abiti in stile ‘800 sono completamente rivisitati con l’utilizzo di materiali tecnici e attuali. Caratterizza la scena anche un panier ottocentesco: abito di Giulietta, letto e tomba. Sono questi i tre elementi che rispettivamente simboleggiano la crescita, l’amore e la morte”. Federico Veratti

 

Pensando al capolavoro shakesperiano le immagini che mi sovvengono alla mente sono sempre legate alla città di Verona. Nel concepire questa ambientazione per il Balletto di Milano ho conseguentemente avuto fin da subito il desiderio di ispirarmi alle atmosfere e alle architetture della città veneta, ma allo stesso tempo di rivisitare e reinterpretare questa visione tradizionale. La scenografia di “Romeo e Giulietta” è cosi dominata da un’unico elemento costruito che divide e moltiplica lo spazio scenico permettendo ai ballerini con la coreografia di raggiungere un piano diverso, dai passaggi dei due amanti che si osservano a distanza al celebre incontro sotto il balcone di Giulietta”. Marco Pesta 

 

 19 LUGLIO 2016 – ORE 21.15

KIRON CAFE’- il centauro

Da Senofonte, Ovidio, Dante,  drammaturgia Sebastiano Tringali ,Aurelio Gatti

regia e coreografia Aurelio Gatti

musica dal vivo Marcello Fiorini, Antonio Pellegrino

con

Sebastiano Tringali  Mario Brancaccio, Giuseppe Bersani, Carlotta Bruni, Marta Cirello, Eugenio Dura, Tiziana D’Angelo, Luna Marongiu, Rosa Merlino

 

Una commedia in danza , musica, teatro che si consuma in un locale/caffè sperduto tenuto da due improbabili gestori: Il Centauro Kirone e Prometeo, accomunati da una generosità “mitica”verso dei e semidei, il primo e gli uomini, il secondo.

Il caffè Kiron abbiamo immaginato sia un luogo/spazio che si trova in una striscia di con finestra Europa ,Asia e Mediterraneo, frontiera tra occidente e povertà, tra mondi senza transito ….Turchia e Bulgaria ( come racconta il mito) , ma anche Grecia e Macedonia …Luogo di passaggio di una marcia ininterrotta, “a piedi”, di profughi migranti (oramai la distinzione tra chi scappa per guerra o per fame, o per tutte e due è fuori luogo…) che arrivano da lontano … Siria, ma anche Iraq e Afghanistan . .

Accanto a “gente comune” ridotta a fuggiaschi della propria terra e della propria storia, anche Aiace, Achille, Aristeo, Asclepio, Enea, Eracle, Fenice, Giasone, – tanti più sono gli allievi del Centauro Kirone , anch’essi profughi ed eredi “dismessi” di una civiltà millenaria come quella del Mediterraneo.

Tra storie antiche e vicende contemporanee, canti arcaici e cori intermittenti, mute confessioni, dispetti, lazzi e furori danzati, tutto questo è il mondo del Kiron Cafè . Il desiderio di futuro, la voglia di vivere sono il filo rosso di questa messa in scena ma anche il “mistero” che si affronta perché è impossibile presentarsi al “futuro” spogliati della propria storia/identità.

Diversi i temi affrontati: profughi e migranti come condizione dell’uomo contemporaneo, emblema di un travaglio storico di proporzioni gigantesche che investe tanto il popolo migrante che il popolo dell’accoglienza.

Da qui la questione della convivenza – sarebbe meglio dire co-esistenza, affrontato attraverso il mito del centauro in quanto archetipo del confronto.

… Già, perché affrontare un viaggio di “migrazione” molte volte assume il significato di

scelta tra vita – futuro in divenire- e morte.

20 LUGLIO 2016 – ORE 21.15

LA DIVINA SARAH

con Anna Bonaiuto e Gianluigi Fogacci

Regia di Marco Carniti

NOTE DI REGIA

Ci sono cinque tipologie di attrici” diceva Mark Twain ”Le cattive, le passabili, le brave, le grandi e poi c’è Sarah Bernhardt. “Sarah” adattamento dall’originale inglese di John Murrel del celebre drammaturgo francese Eric Emmanuel Schmitt. Questo testo contemporaneo presentato al Festival d’Avignone e interpretato a Parigi da Fanny Ardant è un atto d’amore di uno scrittore americano per una Diva immortale. Sarah Bernhardt. Un’ artista senza tempo, o meglio, al di fuori del tempo. Una donna che attraversa il tempo e la storia e che con la sua arte e le sue stravaganze ha costruito di se stessa il primo fenomeno vivente di “divismo” nella storia dello spettacolo al femminile. Dormire in una bara o girare per le strade con animali selvatici al guinzaglio erano il frutto di una costruzione meticolosa di un personaggio intellettuale fuori dalla norma. Qualcosa di irripetibile. Una rivoluzionaria anticonformista che per prima si volle imporre sulla scena in abiti maschili nella parte di Amleto, spiazzando opinione pubblica e critica. Una gamba amputata non riesce a fermare l’ inarrestabile flusso vitale che guida questa grande eroina del teatro, giunta al crepuscolo della sua vita, verso un desiderio quasi ossessivo d’ immortalità . Un mito vivente che riscrive il suo tumultuoso ed esilarante percorso di vita sulla pelle dello schiavo-servitore Pitou, con il quale instaura un gioco al massacro sadomasochistico, obbligandolo a subire la sua rabbia quotidiana e che preso a capo espiatorio gli impone di interpretare i personaggi del racconto della sua vita : da Oscar Wilde a Bernad Shaw, al suo impresario, alla madre. Una partita a due dove il ritmo rapido e fortemente ironico delle battute e il continuo entrare e uscire dalla finzione teatrale compongono una partitura di assoluto divertimento. Un testo sarcastico dove il comico e il drammatico di alternano per la costruzione di una grande personalità d’artista, che ai nostri occhi , ci appare come una “Madonna” di altri tempi , quindi iconica, grottesca, divertente, esasperata e disperata di fronte a una parola fine che per lei non dovrebbe arrivare mai.” Marco Carniti

21 LUGLIO 2016  – ORE 21.15

MAX GIUSTI

in

“PEZZI DA 90”

In scena si avvicenderanno una miriade di personaggi, che appariranno sia in video che live. Gli spettatori si ritroveranno protagonisti e MAX si ritroverà tra gli spettatori in un turbinio di ritmo sorprese e risate che lasceranno il pubblico a bocca aperta! Insomma uno spettacolo pieno di “Pezzi da 90”, che altri non sono se non i personaggi che Max interpreta per prendere in giro tutta l’assurda realtà che ci circonda: da Biagio Antonacci all’attore protagonista di “50 sfumature di grigio”, da Terence Hill al Vigile del quartiere a luci rosse di Roma, da Ligabue a Vasco Rossi.  Ma la nostra vita non è fatta solo di “Pezzi da 90”; faranno infatti capolino sul palco, variopinti e multietnici, gli unici che sono riusciti a trovare lavoro in Italia: un egiziano con l’ortofrutta, un cinese “tuttoauneuro” e un prete africano di provincia. Non mancheranno naturalmente gli amici di sempre, sempre amati dal pubblico e attuali più che mai: Lotito con la sua Lazio, Albano tornato a Sanremo e Cristiano Malgioglio sosia del Presidente Mattarella. Tutto questo però è solo l’inizio di quello che si vedrà in “Pezzi da 90”, perché mentre si attende che vada in scena lo spettacolo Max sta creando un nuovo personaggio.

22 LUGLIO 2016 – ORE 21.15

ORCHESTRA DI VITERBO E DELLA TUSCIA

THE SWING ERA

musiche di Benny Goodman, Glenn Miller, Count Basie, Duke Ellington

diretta da Enrico Mianulli

 

L’ “Orchestra Jazz di Viterbo e della Tuscia” è un’ orchestra stabile di ben sedici elementi selezionati tra i più validi della provincia di Viterbo, fondata e diretta dal pluripremiato jazzista viterbese Enrico Mianulli, con la finalità di promuovere un’eccellenza culturale della città ben oltre il territorio comunale ha realizzato nel corso degli anni un archivio privato che comprende centinaia di brani arrangiati per variorganici dai primi del ‘900 ad oggi.  Essendo il Jazz musica del ‘900 è ancora protetta dal diritto d’autore e ciò rendeancora più rara e preziosa questa collezione di brani, attinta in alcuni casi dall’archivio del Lincoln Center di New York o dalla Library Of Congress oricevuta dagli stessi compositori. Il repertorio spazia all’interno di un secolo di Jazz.   L’orchestra al completo è composta da

Trombe: Daniele Raimondi,  Giambattista Gioia, Riccardo Ziaco, Angelo Olivieri

Tromboni: Davide Di Pasquale, Matteo Guarino, Giovanni Sargeni,  Dario Martellini, trombone basso

Sassofoni: Luca Rizzo, sax alto, clarinetto,Federico Lacerna, sax alto, Luciano Orologi, sax alto, clarinetto,Maurizio Leoni, sax tenore,Andrea Araceli, sax baritono

Ritmica: Stefano Angeli, pianoforte, Dario Panza, batteria,Enrico Mianulli, contrabbasso e direzione

 

Enrico Mianulli , uno dei più talentuosi jazzisti emergenti a livello nazionale,vanta una ricca attività concertistica in tutta Italia nei più importanti festival jazz (Umbriajazz, Narni black festival, Ischia jazz festival, Festival Internazionale del Jazz Della Spezia,Tuscia in jazz, Atina jazz, Ponza jazz, Cassino jazz, Ronciglione jazz, Roma jazz festival, etc…), inteatri e auditorium (auditorium di Santa Cecilia di Roma, Parco della Musica di Roma, teatro G.Rossini di Pesaro, etc…) e nei maggiori club, suonando con differenti formazioni e collaborandocon musicisti di grande rilievo nazionale ed internazionale. Tra gli altri: Shawnn Monteiro, FlavioBoltro, Bobby Durham, Aldo Bassi, Francisco Mela, Amana Melomè, Massimo D’Avola, Karl Potter, Francesco Cafiso, David Kikoski, Lage Lund, Maria Neckam, Aaron Parks, Rosario Giuliani, Kurt Rosenwinkel, etc. Nel 2010 ha vinto il premio internazionale “Jimmy Woode award” come miglior gruppo (Matteo Cidale quintet) e come miglior contrabbassista;Nel 2011 vince il premio internazionale “Tiberio Nicola” all’interno del “43° Festival Internazionale di Jazz Della Spezia”, come miglior gruppo (Enrico Mianulli trio) e come miglior contrabbassista;

 

 

26  LUGLIO  2016 –  ORE 21.15

AGAMENNONE

di Fabrizio Sinisi da Eschilo

con Paolo Graziosi e Daniela Poggi

regia di Alessandro Machìa

L’”Agamennone” di Eschilo è la prima parte della trilogia composta dal tragediografo greco sulla casa degli Atridi: seguono infatti le Coefore e le Eumenidi. Eschilo è unanimemente considerato il padre della tragedia greca, e insieme a Sofocle ed Euripide forma la canonica triade del teatro tragico. L’Orestea fu rappresentata per la prima volta ad Atene nel 458 a.C., ed è importante in quanto è l’unica trilogia del teatro antico a noi pervenuta per intero. I personaggi principali sono il coro degli anziani argivi, Clitemnestra, Agamennone e Egisto. Siamo al termine della guerra di Troia, e la città di Argo, ma soprattutto la regina Clitemnestra è in fervente attesta di ricevere notizie circa la sorte dei soldatia Achei, guidati dal re di Argo, Agamennone. In piena notte, una sentinella nota un fuoco, ultimo di una lunga catena che da Troia giunge nel Peloponneso a comunicare la notizia della vittoria. Clitemnestra dà inizio ai festeggiamenti, nello scetticismo degli anziani che non vogliono fidarsi troppo di un segnale che potrebbe rivelarsi ingannevole e fallace. Pochi giorni più tardi giunge finalmente in città il re Agamennone con la sua nave e i prigionieri di guerra: fra di essi vi è la veggente Cassandra, figlia del re di Troia Priamo, diventata la concubina dell’Atride. Clitemnestra accoglie lo sposo con grandi cerimonie, ma il marito si rifiuta di venire onorato come una divinità. Solo le preghiere e l’insistenza della regina lo convincono a varcare la soglia; al contrario, Cassandra rimane sul carro con aria superba. Mentre l’intera città è in festa, e i vecchi si rallegrano del ritorno dell’eroe che ha distrutto Troia, riparando all’ingiustizia subita da suo fratello Menelao, la profetessa di Apollo avverte che una grande tragedia sta per abbattersi sulla reggia. L’iniziale incredulità degli anziani cede davanti al puntuale resoconto di Cassandra, cioè la morte sua e di Agamennone. Cassandra entra in casa, andando incontro al suo destino con rassegnazione, consapevole dell’ineluttabilità della volontà divina, e si odono presto le grida del re, ucciso insieme alla profetessa per mano della sua sposa e di suo cugino Egisto, amante della regina, che esce dal palazzo e ammette orgogliosa di aver ucciso il marito, riparando in questo modo agli atti di “hybris” compiuti da Agamennone e dai suoi antenati. Il coro, sdegnato, accusa la regina di aver commesso un orribile crimine e di aver rinnovato la spirale di sangue che gravava su Argo, invece di averla eliminata, ma di fronte alle minacce di Egisto, ormai padrone della città, torna alle proprie case, sperando nel ritorno di Oreste, figlio di Agamennone, che potrà vendicare la morte del padre riappropriandosi del trono usurpato

28 LUGLIO 2016 – ORE 21.15

Francesca Reggiani

in

TUTTO QUELLO CHE LE DONNE (NON) DICONO

Se il vostro principe si ostina a non diventare azzurro, non è meglio cambiare rospo? Chi trova un’amica, trova davvero un tesoro? L’amore è eterno finchè dura? Uno show unico che non lascia scampo, tra riflessioni acute e battute fulminanti. Uno sguardo ironico e irreverente su tutto quello che le donne non dicono, ma pensano. Francesca Reggiani arriva a Ferento con “Tutto quello che le donne (non) dicono”, uno spettacolo, con la regia di Valter Lupo, ma anche un viaggio, un reportage sui mutamenti profondi dell’Italia e dell’italiano. Sul palco si susseguiranno ironiche riflessioni sulla complessa realtà di oggi, sulla politica e la sua classe dirigente: l’attrice comica porterà in scena nuovi personaggi come Maria Elena Boschi, Giorgia Meloni e Paola Taverna, ma anche grandi pezzi di repertorio, come Maria De Filippi, Carla Bruni e Patty Pravo, senza dimenticare temi di attualità come i tagli alla spesa pubblica, la generazione dei ‘nati digitali’, l’amore e la vita di coppia. L’amore è veramente una cosa meravigliosa? E’ meglio il sesso virtuale o reale? Facebook, Twitter, Whatsapp, tutto dipende dal profilo che hai? La chirurgia estetica fa miracoli? E se “il vostro principe” si ostina a non diventare “azzurro”, non pensate sia il caso di cambiare rospo? Queste sono solo alcune delle domande che l’artista si porrà in uno show che non lascia scampo, con battute fulminee e brucianti, con ritratti feroci e veritieri, con riflessioni acute e scomode, travolgendo il pubblico con un vortice di emozioni ed umorismo.

1° AGOSTO 2016 – ORE 21.15

RE LEAR

di William Shakespeare

con Giuseppe Pambieri

regia Giancarlo Marinelli

NOTE DI REGIA

La storia d’amore più grande che si possa raccontare è solo una: quella tra un padre e una figlia. E “Re Lear” è questo. Per tre volte. Visto che ha tre figlie. In fondo, che cosa fa il Lear? Vuole spogliarsi di tutto: del governo, del potere, di ogni questione terrena e tenebrosa, per fare solo e definitivamente il padre. Non vuole più essere Re. Ma solo Lear. Andare incontro alla morte come un uomo che, tornato a casa dal lavoro e sfinito ai crucci, va incontro alla sua bambina che l’ha aspettato per tutto il giorno. Questo vorrebbe padre Lear. Godersi quel momento feroce e dolcissimo della vita in cui la figlia diventa la madre di suo padre. Capita a tutti. Prima o poi. Diventiamo i genitori dei nostri genitori. Ma la trappola del Bardo è in agguato. Goneril, Regan e Cordelia, (sì, anche Cordelia), non vogliono essere madri. Vogliono essere padri. E padroni. Vogliono sostituire il re senza soluzioni di continuità. Né di virilità. Si sposano e sotto-mettono i mariti con “i fegati da latte”, costringendoli a tradimenti, misfatti, guerre. Dal gioco alla tragedia. Nessuno va più incontro alla morte. È la morte che va incontro a tutti. È sempre e solo un problema di ruoli. Ciò che smettiamo di essere e che vogliamo continuare ad essere (Lear desidera essere ancora e solo il re delle figlie; le figlie non vogliono più essere bambine, ma fingono di esserlo per strappare lo scettro al padre). Ciò che non siamo mai stati e che vorremmo essere, (il bastardo Edmund). Ciò che siamo e che non siamo mai felici d’essere,  (il legittimo Edgar). L’amore che siamo per qualcuno, (Edgar per Gloucester, Kent per Lear), e la vergogna che siamo per qualcun altro, (Edmund per Gloucester e Gloucester per Edmund). “Tutti ad una certa ora della vita siamo l’amore per qualcun altro”, ha scritto Renato Simoni, che per il Bardo tanto ha fatto. Ma se sbagli l’ora, anche solo di un minuto, tutto il resto è perduto. Anzi: è silenzio. Giancarlo Marinelli

 

2 AGOSTO 2016 – ORE 21.15

ANNA OXA

IN CONCERTO

Da “Giudice” ad “Amici”, alla grande e magica espressione artistica Anna Oxa nel Nuovo Tour 2016. In concerto con la sua voce, ripercorre insieme al pubblico una scelta di successi di un repertorio di circa quarant’anni anni di musica, la poliedrica artista nel è accompagnata da quattro musicisti. Una tournée fatta di concerti studiati nei minimi dettagli per raccontare la Oxa di oggi, di ieri e di domani. Sul palco l’artista pone al centro del live le sue vocalità, la sua forza espressiva per riproporre dal vivo il meglio del suo repertorio, brani sempre attuali, anche conosciuti, canticchiati, amati da tante generazioni fino alla generazione di oggi che l’ha seguita ed apprezzata anche nella trasmissione di “Amici”. Molti ragazzi, anche nelle università, si stanno approcciando al mondo musicale Oxa, per l’elaborazione, lo studio e la ricerca che interessa molti di loro che non vogliono limitare il suono in sette note musicali. Fanno le tesi di laurea studiando l’esperienza, la comunicazione e la ricerca di Anna Oxa. Il pubblico, nel concerto, ha l’ occasione di riascoltare brani come «Un’emozione da poco», «È tutto un attimo», «Donna con te», «Quando nasce un amore», «Senza pietà», «Tutti i brividi del mondo», «Ti lascerò» e tanti altri successi tutti riproposti dal vivo in una veste insolita e originale, moderna e sempre toccante.  I musicisti che la accompagneranno sul palco sono in realtà veri e propri polistrumentisti che esprimonoil suono con vari strumenti accompagnando la splendida voce dell’artista in un crescendo di emozioni.

4 AGOSTO 2016 – ORE 21.15

PINK FLOYD LEGEND

Tribute band

THE DARK SIDE OF THE MOON 

Nati esattamente dieci anni fa, i Pink Floyd Legend hanno raggiunto la notorietà grazie a una serie di spettacoli tematici sull’universo ‘floydiano’ che hanno riscosso ovunque un grandissimo successo. Dall’esecuzione integrale con orchestra dell’album The Final Cut (prima assoluta mondiale) in occasione delle celebrazioni per il 70nnale dello sbarco di Anzio, alle quali è stato presente lo stesso Roger Waters, fino al monumentale spettacolo dedicato alla suite Atom Heart Mother, riproposta con l’ausilio di coro e orchestra, con la quale tra il 2012 e il 2015 hanno ottenuto cinque sold – out al Teatro Olimpico e all’Auditorium della Conciliazione di Roma. Ed ancora, il Live at Pompei, con il sussidio degli strumenti dell’epoca, eseguito nell’Anfiteatro Romano di Bleso a Tivoli. Nel 2015 si sono avvalsi della partecipazione di Durga McBroom, vocalist originale dei Pink Floyd, per realizzare in aprile lo Sring Tour 2015 conquistando con il “tutto esaurito” le città di Roma – Auditorium Conciliazione, Napoli – Teatro Palapatenope e Milano – Teatro Linear4Ciak. La band e la cantante californiana hanno riproposto il capolavoro assoluto dei Pink Floyd, Dark Side of the Moon.  La musica dei Pink Floyd viene riproposta nella maniera più fedele. Gli spettacoli, infatti, sono il frutto di uno studio approfondito sulle partiture e dei concerti live che la band inglese ha proposto nel corso degli anni. La produzione, come nei veri concerti dei Pink Floyd, oltre ai video dell’epoca proiettati su schermo circolare di 5 metri, si avvale di un spettacolare disegno luci e di sorprendenti effetti speciali. Un enorme maiale gonfiabile apparirà durante le canzoni dell’album “Animals”, un aereo da guerra terminerà il suo volo sul palco mentre viene eseguita “InThe Flesh” e ancora costumi, laser e tanto altro. Nei loro concerti la perizia nell’esecuzione dei brani, la fedeltà degli arrangiamenti, l’utilizzo di strumentazione vintage e la cura per l’aspetto visivo e spettacolare permettono al pubblico di vivere realmente una indimenticabile “Floyd Experience”.

5 AGOSTO 2016  – ORE 21.15

NICOLA PIOVANI

in

VIAGGI DI ULISSE

Concerto mitologico per strumenti e voci

scritto e diretto da Nicola Piovani

Ensemble Aracoeli

Andrea Avena    contrabbasso

Marina Cesari    sax/clarinetto

Pasquale Filastò violoncello

Ivan Gambini     percussioni

Alessio Mancini flauto

Nicola Piovani pianoforte

Aidan Zammit    tastiere

Attori in video

Chiara Baffi, Carlo Cecchi, Paila Pavese, Massimo Popolizio,

Mariano Rigillo, Massimo Wertmüller,

Virgilio Zernitz (James Joyce, Siobhan McKenna)

Testi di: Konstantinos Kavafis, Omero, James Joyce,  Torquato Tasso, Pindaro, Umberto Saba

Disegni di Milo Manara

“Viaggi di Ulisse” è un racconto in musica, per strumenti che si concertano con voci registrate. I temi del racconto sono le emozioni che mi hanno lasciato le letture e l’immaginazione di alcuni viaggi di Ulisse, personaggio vecchio di tre millenni, pervaso di fascino e meraviglia tuttora indecifrabili. Con la musica strumentale, ovviamente, non possiamo raccontare i fatti: quelli solo la parola può descriverli.  Ma la musica può tentare di materializzare la commozione che quei fatti ancora oggi ci suscitano.  L’organico comprende pianoforte, contrabbasso, sax, violoncello, percussioni, tastiera elettronica. Le voci registrate recitano versi di poeti che, da Omero a Saba, hanno scritto di Ulisse, l’eroe antieroe, il viaggiatore guidato dalla cometa della curiosità, dalla fame di conoscenza, dal desiderio di guardare in faccia un Ciclope, di sentire il canto delle Sirene, di vedere cosa c’è oltre le Colonne d’Ercole. Le voci dei diversi attori inserite nella partitura raccontano i passi salienti delle vicende, ma sono anche strumenti vocali con un ruolo fondamentalmente musicale. Il concerto mitologico Viaggi di Ulisse punta a ricreare in teatro l’incanto di quelle storie odissiache che da sempre mi seducono. E spero di condividere quell’incanto innanzitutto col pubblico.

Nicola Piovani

 

6 AGOSTO 2016  – ORE 21.15

VITTORIO SGARBI

In

CARAVAGGIO

Musiche composte da Valentino Corvino violino, elettronica

Immagini elaborate da Tommaso Arosio scenografia e video

Regia e luci Angelo Generali

“Caravaggio è doppiamente contemporaneo. È contemporaneo perché c’è, perché viviamo contemporaneamente alle sue opere che continuano a vivere; ed è contemporaneo perché la sensibilità del nostro tempo gli ha restituito tutti i significati e l’importanza della sua opera. Non sono stati il Settecento o l’Ottocento a capire Caravaggio, ma il nostro Novecento. Caravaggio viene riscoperto in un’epoca fortemente improntata ai valori della realtà, del popolo, della lotta di classe. Ogni secolo sceglie i propri artisti. E questo garantisce un’attualizzazione, un’interpretazione di artisti che non sono più del Quattrocento, del Cinquecento e del Seicento ma appartengono al tempo che li capisce, che li interpreta, che li sente contemporanei. Tra questi, nessuno è più vicino a noi, alle nostre paure, ai nostri stupori, alle nostre emozioni, di quanto non sia Caravaggio”. Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi conduce, attraverso la vita e la pittura rivoluzionaria di Michelangelo Merisi, uno spettacolo teatrale arricchito dalla musica di Valentino Corvino, e dalle immagini delle opere più rappresentative del pittore lombardo curate dal visual artist Tommaso Arosio.

 

9 AGOSTO 2016 – ORE 21.15

PIPPO FRANCO

in

LA CROCIATA DI BRANCALEONE

Regia di Giacomo Zito

Brancaleone da Norcia, nobile decaduto, divenuto ormai nomade e giramondo, torna sconfitto da una crociata in Terra Santa dove ha combattuto per la conquista del Santo Sepolcro. Una profonda depressione lo perseguita perché, in una battaglia dove i cristiani sono stati tutti uccisi lui, fingendosi morto, è riuscito a fuggire e ora, travolto da un senso di colpa, non si dà pace. In una grotta incontra Colombello, uno strano e allegro individuo, un frate eremita e che spinge Brancaleone a ritrovare la sua perduta allegria. Colombello, così detto perché comunica con un emissario del Papa attraverso dei piccioni viaggiatori è, in realtà, un osservatore del territorio al servizio della curia Pontificia. L’eremita riceve una lettera che corrisponde ad un ordine firmato dallo stesso Pontefice, che gli ordina di consegnare lo scritto al primo cavaliere crisitiano che avrebbe incontrato e Colombello mette la lettera nelle mani di Brancaleone. Nel testo, il papa incarica il cavaliere di conquistare il castello di Bellafonte preso con la forza da Macellone, un eretico assassino che terrorizza il feudo facendo sparire i Cristiani. Brancaleone, che si sente investito dell’incarico pontificio, per cancellare dal suo animo l’onta della sua fuga in Terra Santa, decide, insieme a Colombello, di partire per espugnare il castello. Ma l’armata di Brancaleone è composta soltanto da lui e dal sedicente eremita. Bisogna trovare altri fedeli cavalieri decisi a combattere e pronti a morire. Ma sul loro cammino verso Bellafonte riescono ad aggregare soltanto una compagnia di guitti che rappresenta spettacoli grotteschi nei villaggi, in qualche castello e un po’ dove capita. Sono tutti personaggi miserabili e cialtroni, uniti dall’indispensabile senso dell’ironia che fa loro dimenticare la fame che devono affrontare ogni giorno. Nella speranza di una vita migliore i guitti si improvvisano guerrieri e decidono di seguire Brancaleone e Colombello nella loro impresa, sicuri che il loro nobile comandante troverà per tutti qualche cosa da mangiare. Strada facendo, all’improbabile armata, si unisce un lebbroso,al quale nessuno si avvicina, che non mostra mai il suo volto. Brancaleone pensa che, male che vada, il lebbroso può attaccare la lebbra a tutti i suoi nemici.  Ma molto presto Brancaleone scopre che sotto i panni del lebbroso si nasconde una bella donna in fuga da suo padre, un vecchio e ricco feudatario che la vuole far sposare con un altro vecchio benestante. La donna che si chiama Dolcemea aveva già un marito, Astragalo, un uomo burbero e spietato, morto proprio in Terra Santa.

Fra i diversi pericoli che deve superare l’esercito sgangherato e improvvisato degli ex-guitti, Brancaleone si innamora del misterioso lebbroso, rivela a tutti l’identità di Dolcemea e la sposa. Il matrimonio viene celebrato da Colombello che ha la dispensa ufficiale per farlo. Dolcemea è affascinata dal suo nuovo marito che la mette al sicuro dalle aggressioni del suo vecchio genitore. Ma ecco che l’armata Brancaleone si imbatte incredibilmente in Astragalo, il primo marito di Dolcemea che in realtà non è morto, è tornato dalla Terra Santa e, non si sa come, è riuscito a rintracciare sua moglie. Astragalo si riporta via Dolcemea e Brancaleone casca di nuovo in depressione invocando l’Angelo della Morte che anticiperà ogni cosa al nobile cavaliere. La vera crociata di Brancaleone è una crociata del tutto personale. Al limite della terza età, dopo aver vissuto un’esistenza dedicata soltanto alle avventure guerresche, il nobile di Norcia, rimasto sempre nobile nell’animo tanto da somigliare a Don Chiscotte. Giacomo Zito

TRAMONTI A FERENTO

 

A conclusione dell’ultima visita giornaliera a Ferento (ore 18,30), nei giorni in cui non sono previsti spettacoli in teatro,insieme all’associazione culturale Archeotuscia, proporremo una serie di eventi culturali  allo scopo di dare ulteriore visibilità al territorio e una più ampia fruizione del sito archeologico alle realtà culturali ed agli artisti del viterbese. Gli eventi si svolgeranno in un’area, appositamente allestita, adiacente il teatro romano, nell’area delle piscine.

E inoltre

 

10 LUGLIO – ORE 18,30

IN VIAGGIO CON L’OPERA

con Opera Extravaganza

In Viaggio con l’Opera è uno spettacolo presentato da Opera Extravaganza, proposto da Archeotuscia in occasione dell’annuale incontro estivo con tutti i soci a Ferento, con i brani famosi dell’ Opera e dell’ Operetta legati insieme da un fil rouge che in crescendo coinvolge il pubblico e lo conduce dall’ Italia di Verdi, alla Spagna di Bizet dalla Vedova Allegra, al Paese dei Campanelli senza tralasciare Elisir d’ Amore!

Con questo spettacolo Archeotuscia, con la partecipazione degli otre cinquecento soci, conclude la sua sessione semestrale di attività.

18 LUGLIO – ORE 18,30

DANTE, IL GIUBILEO E LA MISERICORDIA

“Amor che move il sole e l’altre stelle” – XXXIII Canto del Paradiso

con Giuseppe Rescifina e Simonetta Pacini.

Il XXXIII Canto del Paradiso di Dante è il culmine  del viaggio ultraterreno del  poeta fiorentino e contiene il resoconto della più grande esperienza possibile: l’incontro, la visione di Dio. Un accenno verrà fatto anche del III canto del Purgatorio a proposito di Manfredi  e al V canto sempre del Purgatorio in cui Dante incontra il ghibellino Buonconte di Montefeltro, passi di notevole importanza nei quali il poeta parla della Misericordia di Dio   Quello della “Divina Commedia” è un percorso di purificazione che non solo Dante, ma l’interà umanità compie cosciente della misericordia divina, al pari di quanto avviene in occasione del Giubileo.

 

 

25 LUGLIO – ORE 18,30

ARIA DI NAPOLI

con il tenore GIORDANO FERRI

accompagnato da FABIO BARILI (chitarra)

Uno spettacolo di grande intensità  che rievoca le esaltanti melodie napoletane, contenute in un cd di recentissima produzione, eseguite dal giovanissimo, già affermato tenore Giordano Ferri, che fin dall’età di dieci anni ha dimostrato naturali doti liriche partecipando a trasmissioni televisive (Mediaset e Rai). Ha frequentato la Juliet Accademia di Musica e Spettacolo di Verona diretta dal maestro Jeong Ho Lee. Ha inciso il cd “Romanze italiane” (Edizioni North2North Itd.). Il 10 giugno, scelto dallo stesso autore, ha eseguito l’unica parte solista della “Missa Papae Francisci” scritta e diretta da Ennio Morricone. E’ accompagnato dal maestro Fabio Barili, prestigioso chirarrista erede dio una grande tradizione.

 

 

31 LUGLIO – ORE 18,30

METAMORFOSI

di Ovidio

Laboratorio Tetraedro di teatro integrato

In scena lo spettacolo conclusivo della stagione dei laboratori teatrali della compagnia Tetraedro con il poema epico “Le Metamorfosi” di Ovidio, allestimento finale del laboratorio di teatro integrato 2015/2016 .

Il laboratorio è stato promosso dall’associazione Amici di Galiana e dall’unità operativa Disabili adulti della Asl con la collaborazione della cooperativa sociale Gli anni in tasca e della compagnia Tetraedro. 16 gli attori sul palco – tra utenti dell’unità Disabili adulti, operatori e liberi partecipanti -, più due narratori: Silvia Giorgi e di Franco Heera Carola. La regia è di Francesco Cerra

 

3 AGOSTO – ORE 18,30

ENCONTROS

con NOEMI NORI (voce e percussioni)

MASSIMO AURELI (chitarra)

Uno spettacolo singolare ed emozionante che ha come protagonista un duo straordinario:  la cantante Noemi Nori (anche percussionista) dalla voce fluida con particolari estensioni e con un’esperienza di notevole spessore (collaboratrice di Nicola Arigliano e Romano Mussolini, suo il brano “Sale la luna” della compilation del cd doppio Chill out cafè volume otto) e il chitarrista Massimo Aureli, artista romano che ha partecipato e numerose rassegne, festival e trasmissioni televisive Rai. “Encontros” è una rassegna di motivi nei quali convergono le capacità sonore di Noemi Nori e quelle concertistiche di un chitarrista tra i più apprezzati del momento.

 

 

8 AGOSTO – ORE 18,30

L’ISOLA, IL SOGNO E L’AVVENTURA

In viaggio con Shakespeare e Cervantes

A 400 anni dalla morte di William Shakespeare non si sa né il vero nome, né si conosce il viso, e ben poco chiara è la storia della sua vita. La vita di Miguel de Cervantes è stata estremamente ricca di avvenimenti, viaggi e avventure non sempre a lieto fine, con vari episodi che lo videro persino finire in carcere.

Ad unire Shakespeare e Cervantes è, incredibilmente, il giorno della loro morte avvenuta il 23 aprile 1616.

“Il sogno, l’isola e l’avventura”, come dice il sottotitolo, è un viaggio che mette a confronto  due personaggi più famosi delle tragedie shakespeariane e il protagonista del capolavoro di Cervantes.  Lo spettacolo proposto dall’associazione culturale Tusciae20 vede la partecipazione di Giuseppe Rescifina (autore anche dell’adattamento) e Simonetta Pacini. Le musiche sono eseguite, alla chitarra, da Giancarlo Necciari, direttore artistico di Jazz Up Festival.

About Emanuele Bompadre 8279 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.