10 dicembre 2016

Siae: anche Asso-consum chiede liberalizzazione mercato

L’Asso-consum, associazione per la difesa dei consumatori degli utenti e dei cittadini, componente CNCU, si dichiara favorevole alla liberalizzazione del mercato del copyright.

La Siae, società italiana degli autori e degli editori, ha beneficiato di un solido monopolio fin dal 1882. Monopolio che, ad oggi, è sinonimo di inefficienza e arricchimento indebito esclusivamente del direttore generale e dei 44 dirigenti di punta.

I numeri compongono un prospetto chiaro ed eloquente: 87 milioni di euro per 1.200 dipendenti, 524 milioni di incassi, 764 milioni di euro di debiti per diritti non distribuiti, stipendi, per i 44 dirigenti, che vanno dai 79mila ai 409 mila euro. Cifra quest’ultima che supera di gran lunga il tetto massimo fissato per i manager pubblici.

L’ente, inoltre, sembra violare anche gli obblighi di trasparenza e anticorruzione: gli ultimi dati consultabili pubblicamente risalgono al 2014, dati, per altro confusionari e poco chiari.

E’ ora di un cambiamento forte e radicale.

 

“E’ un ente elefantiaco” aggiunge il presidente Aldo Perrotta” non serve a nulla se non a rimpinguare le tasche dei suoi dirigenti! E il ministro come sempre dorme! Vergogna!”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.