3 dicembre 2016

Lettera a due spalle di 16 anni: sostenete questa ragazzina

Vorrei scrivere seriamente, non che fino ad adesso abbia scherzato, il fatto è che quando scrivo seriamente qualcuno dice che un po’ spavento. Risulto troppo convincente, mi pare di capire che non è proprio un complimento. Ci sono situazioni in cui il rispetto, la delicatezza e la mancanza di accanimento non sono mai abbastanza.

Sono quelle in cui ci misuriamo con avvenimenti che non pensavamo potessero capitare a noi. Che però siamo esseri umani  e per  questo soggetti ad errori, tutti. L’episodio è recente: la violenza sessuale che sarebbe stata perpetrata da un gruppo di coetanei su una ragazzina di sedici anni.Violenza, a quella età, già questo suona malissimo. Di adulti violenti sono piene le cronache dei giornali: rissosi, vendicativi, assassini, il panorama è vasto e genera avvilimento.

L’opzione di risolvere con una discussione appare più folle di quella di passare alle mani. In una società caotica e sempre di corsa, parlare è una perdita di tempo, prima ti meno e poi dialoghiamo. Magari quando ti vengo a trovare contrito all’ospedale, perchè  viene il momento in cui si capisce l’enormità di quanto si è commesso. Solo che bisogna essere disposti a pagare le conseguenze dei propri gesti, almeno questo  è necessario per dare credibilità alle scuse che si offrono. In queste ore alcune domande sono più frequenti: cosa è scattato nelle menti di questi adolescenti che  ha fatto loro dimenticare di avere davanti una ragazzina? Cosa volevano raggiungere, dimostrare, si sono spinti l’uno con l’altro  mentre compivano quest’azione turpe?
Ma io mi chiederei altre due cose: come si sono sentiti dopo, tornati a casa, con indosso vestiti puliti, nel momento in cui si sono trovati a tu per tu con se stessi? Sarebbe importante saperlo, e poi  se è stata  un’azione collettiva, per dimostrare di essere tutti amici e chi si sottrae è un fifone, ora cosa rimane di quella amicizia? Qualcuno di loro ha capito che era solo complicità? Ci  sono gruppi che per sentirsi uniti vanno a sfasciare le panchine, a incendiare cassonetti, a sputare ai passanti,  anche per passare una serata diversa.

Sarebbe facile liquidarli come vandali, è vero che incontrarli mette paura e non solo perchè agiscono quando sono in tanti. Esprimono una rabbia enorme, la rabbia di chi non vuole aspettare, di chi vuole sfogarsi e non pensare. Di chi vorrebbe passeggiare per le strade di una metropoli o salire su un palco e invece fa sempre lo   stesso corso tutte le sere. Un’ultima considerazione e la faccio  spinta dai commenti orribili di chi sui social  invitava a punizioni  selvagge verso i ragazzi, mi rivolgo ai loro genitori.

Cosa avreste fatto se alla ragazza, come purtroppo è accaduto in episodi analoghi, fosse  successo altro dopo la violenza sessuale? Le vite dei ragazzi sarebbero state compromesse per sempre. Lo dico perchè si è rimproverato, senza dirlo  apertamente, alla ragazzina di aver parlato. Di aver svergognato  chi voleva farsi scudo della sua vergogna. Di non aver avuto paura delle domande, dei sospetti, delle tracce biologiche. Un calvario a soli sedici anni. Due spalle giovani però non hanno tremato, due occhi hanno deciso che dovevano guardare in faccia chi l’aveva umiliata. Dobbiamo augurarci che non crolli  questa ragazzina, dobbiamo farlo per poter avere fiducia nel futuro, non ci sono alternative!