10 dicembre 2016

Sanità; Prof. Ferrara: “Interessi economici-finanziari del SSN, la politica non è insensibile”

Il Prof. Aldo Ferrara, docente di malattie respiratorie all’Università di Siena, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

 

Il Prof. Ferrara è autore del libro “Quinto pilastro – Il tramonto del Sistema Sanitario”. “Quinto si riferisce al quinto potere, quindi ai media –ha spiegato Ferrara-. Il termine Pilastro è ormai entrato di prepotenza nel lessico assicurativo, con le polizze, elemento di svolta dell’assistenza sanitaria. Il cittadino, dunque, deve farsi carico della propria salute se e quando lo Stato, nelle vesti del SSN, non dà piena garanzia dell’offerta sanitaria come sancito dall’Art. 32 della Costituzione. Nel futuro ci avviamo verso un’ulteriore privatizzazione del sistema sanitario nazionale, con il contribuente che quando va in farmacia e all’ospedale deve mettere mano al portafoglio. Personalmente, dovevo fare delle analisi del sangue e sono andato in un centro privato vicino casa mia. Mi hanno detto che pagando subito avrei pagato meno di 3 volte rispetto a quanto avrei pagato col ticket. Di queste trappole ce ne sono tantissime. Il ricorso alla sanità privata serve anche per ridurre le liste d’attesa. Chi vive in Lombardia e si trova a Barfio, in val Sassina e ha una colica renale chiama la guardia medica, che magari non arriva, e deve andare a Lecco o addirittura a Milano, dove si mette a fare la coda in un pronto soccorso affollatissimo”.

“Il meccanismo dell’aziendalizzazione ospedaliera trasforma i malati in clienti, ha lo stesso senso politico della privatizzazione nell’industria. Svuotare lo Stato e affidare al privato i servizi. La Riforma del Titolo V della Costituzione, primo atto dello svuotamento della Carta, ha trasferito alle Regioni gran parte del budget di 111 miliardi, conferito potere assoluto a Governatori, creato una macchia di leopardo nell’offerta sanitaria ad una domanda crescente. Domanda di salute diffusa in Italia, risposta regionale differente: per assurdo nelle Regioni dove è più alto il costo sanitario/pro capite il rendimento offerto è peggiore. Gli interessi economici finanziari del Sistema sono talmente esuberanti che bene o male la politica non è insensibile a questo. Le aziende cominciano ad avere una valenza politica. Amministrare il 70% del pil di una regione significa avere un peso molto importante. Questi soldi vengono spesi male. E’ inutile fare la spending review se prima non aggiustiamo le falle”.

 

Fonte Radio Cusano Campus