10 dicembre 2016

Natascia una mamma in difficoltà, Carabella: “Scenderemo in piazza per aiutarla, non ci fermeremo”

Ogni cittadino ha dei doveri, verso la famiglia, verso gli altri, verso lo stato, di contro lo stato ha dei doveri prima di tutto verso la popolazione e che a sua volta ha dei diritti sacrosanti che vanno rispettati.

Ogni giorno riceviamo segnalazioni su cose che non vanno, spazzatura, buche, giardini pubblici incolti, cigli delle strade con la vegetazione che limita la visibilità e quindi preclude la sicurezza, ma quello che ci lascia sempre con l’amaro in bocca sono le situazioni familiari.

Troppo spesso genitori in difficoltà vengono “presi di mira” e messi alle strette da delle leggi che fanno di “tutta l’erba un fascio” non è possibile trattare nuclei familiari allo stesso modo senza analizzare il background della famiglia, per carità la tutela dei minori è sacrosanta, ma è fondamentale avere un’elasticità e una visione oggettiva degli eventi.

Natascia è una mamma e vive ai Castelli, sta vivendo un momento difficile della sua vita, non si fida dei servizi sociali perché troppo spesso ha sentito storie di bambini tolti ai genitori, sta lottando per una casa, per il diritto di vivere dignitosamente: “…sono andata all’anagrafe per vedere la questione della residenza visto che l’assistente sociale mi aveva detto di lasciarla a Cecchina, io non mi fido e sono andata a vedere di persona. Praticamente io non posso richiederla da mamma perché l’Ater ha cambiato alcune procedure, potrei rimetterla qui soltanto se mi separo legalmente da mio marito,  dovrei sfasciare la mia famiglia per avere diritto di residenza nel comune dove sono nata e cresciuta, la legge prevede che i minori non possono assolutamente stare senza residenza vengono immediatamente tolti, cosa devo fare io? I miei bambini hanno gli stessi diritti dei figli degli immigrati che il comune aiuta immediatamente forse anche di più questa situazione è insostenibile…

Un girone dantesco per un genitore che sta facendo di tutto per mantenere unita la propria famiglia, ha teso la mano per un aiuto, ha contattato le istituzioni, ha chiamato, ha scritto, si è presentata di persona ma ancora non ci sono risposte e quelle che arrivano hanno del paradossale. La sua storia è arrivata a Simone Carabella, da sempre impegnato nel sociale mettendoci la faccia, una persona che non lascia dubbi come il bianco e il nero non ci sono vie di mezzo va sempre dritto al punto c’è chi lo ama c’è chi lo odia nessuno che sta in mezzo, un uomo che divide la folla senza mezze misure e che abbiamo contattato per capire cosa sta accadendo e che, come è nel suo stile, ha subito preso di petto la situazione senza nascondersi dietro ad un dito.

Ma come mai i rom mandano i figli a mendicare, li fanno vivere in condizioni igienico sanitarie spregevoli, vivono in baraccopoli ma possono continuare a mantenere lo Status di Genitori?
Come Mai a Rocca di Papa hanno allestito in tutta fretta un Residence (tra l altro sembra senza servizi primari) per ospitare immigrati che non hanno neanche un nome?
Come mai nelle graduatorie degli Immobili Popolari troppo spesso vengono prima gli immigrati?
Non permetteremo che a Natascia vengano tolti i bambini.
Aiutiamo prima gli italiani.
A breve organizzeremo insieme a Michel Maritato, Claudio Palmulli ed i Ragazzi di Albano una manifestazione di Protesta.
Siamo pronti a tutto.”

Noi speriamo che qualcosa si possa muovere e che i doveri di una mamma diventino prima di tutto diritti, diritti che un paese civile deve assicurare.