10 dicembre 2016

Ilva: mozione parlamentare senatori Idv su presenza italiana

I senatori dell’Italia dei Valori Alessandra Bencini e Maurizio Romani  hanno presentato come primi firmatari una mozione alla quale si aggiungono anche le firme dei senatori Bignami, Molinari, De Pietro, Mussini, Vacciano e Simeoni che “impegna il governo a garantire che il gruppo Ilva venga rilevato da una cordata che garantisca la presenza italiana quale componente maggioritaria, che abbia una posizione solida nel mercato europeo e che sia capace di sostenere i considerevoli investimenti necessari, che comprenda profondamente le strategie da mettere in atto per portare gli stabilimenti Ilva ad una redditività sostenibile e che garantisca un giusto bilanciamento tra risanamento ambientale e mantenimento dei livelli occupazionali”.

Nell’atto parlamentare si legge altresì che “persistono le criticità connesse allo stabilimento Ilva di Taranto, con particolare riferimento alla messa in sicurezza degli impianti, ai risvolti ambientali, al mantenimento degli assetti produttivi e dei livelli occupazionali, ivi compresi i lavoratori dell’indotto, costretti da tempo a subire un grave danno salariale”.

I senatori chiedono dunque all’esecutivo “di indicare, in coerenza con i decreti precedenti e con il testo del bando di gara internazionale emanato dagli attuali commissari, un periodo massimo di 15 giorni, successivo al 30 giugno 2016, concesso ai commissari per scegliere la migliore proposta industriale occupazionale e finanziaria, rendendo pubblica la scelta dei proponenti e delle aggregazioni che li sostengono”, ed inoltre “di definire il mandato che Cassa depositi e prestiti deve svolgere per difendere e sviluppare un asset industriale strategico per il nostro Paese, escludendo, pertanto, un ruolo puramente speculativo”.