17 gennaio 2017

Pigneto, aggressione al banchetto di Noi con Salvini: 10 le misure cautelari

Matteo Salvini durante una conferenza stampa alla Camera mostra il simbolo con il quale la Lega Nord si presenterà anche al sud Italia, Roma 19 dicembre 2014. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Questa mattina agenti della Polizia di Stato della Questura di Roma hanno eseguito 10 ordinanze applicative della misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Roma dott.ssa Monica Ciancio, a carico di altrettanti militanti nell’area anarco antagonista capitolina, per i reati di attentato contro i diritti politici dei cittadini, resistenza aggravata e lesioni a pubblico ufficiale, danneggiamento e travisamento in luogo pubblico.

Gli indagati, 6 uomini e 4 donne di età compresa tra i 20 e i 29 anni, alcuni con precedenti specifici, dovranno presentarsi per la firma due volte al giorno, una in orario antimeridiano e l’altra in orario pomeridiano, distanti tra loro almeno cinque ore.

Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore dott. Eugenio Albamonte e condotte dalla Digos, si riferiscono ai fatti accaduti la mattina del 27 febbraio 2016 in piazza Roberto Malatesta, quando un gruppo di giovani ha assalito e danneggiato un banchetto di propaganda politica del movimento “Noi con Salvini”, ferendo anche un Agente della Polizia di Stato che aveva tentato di bloccare uno dei facinorosi.

I soggetti sono stati individuati anche grazie al racconto delle vittime e alle immagini registrate da alcuni impianti di videosorveglianza presenti in zona.

Nel corso delle perquisizioni eseguite durante l’esecuzione delle misure, sono stati rinvenute e sequestrate alcune armi improprie e corpi contundenti, gli abiti indossati dai soggetti al momento dell’aggressione nonché diverso materiale d’interesse investigativo.

About Emanuele Bompadre 8645 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.