10 dicembre 2016

Regione Lazio, il bilancio della guardia costiera nel primo week end estivo

Primo weekend ufficialmente estivo della stagione balneare 2016, con temperature elevate e condizioni di tempo stabile che hanno visto riversare centinaia di migliaia di persone sugli arenili laziali, e migliaia di unità da diporto affollare gli specchi acquei ricadenti nella giurisdizione della Direzione Marittima del Lazio, con il dispositivo di vigilanza Mare Sicuro dispiegato su tutti i 330 km costieri per assicurare la serenità e sicurezza di chi ha scelto il mare laziale.

Non sono mancate le operazioni di assistenza e soccorso, causate soprattutto da avarie agli apparati motore, che hanno visto intervenire le unità navali della Guardia Costiera su 5 natanti alla deriva che hanno contattato le sale operative della Capitanerie di porto competenti (una a Civitavecchia e quattro nel Pontino). Sul litorale di Nettuno invece, nel volgere di breve tempo, si sono registrati due piccoli natanti scuffiati che hanno richiesto il pronto intervento del battello GC B89, che ha verificato l’assenza di conseguenze per i membri degli equipaggi.

Le attività di controllo del personale operante, anche in ragione della grande affluenza, si sono concentrate principalmente sul rispetto della fascia di mare dei 200 metri riservata alla balneazione, al fine di evitare qualunque pericolo per bagnanti e avventori. Sette le sanzioni elevate per navigazione in zona vietata (3 a Gaeta, 2 a Terracina, 1 a Formia e Santa Marinella), oltre a 2 contravvenzioni per mancanza delle dotazioni di sicurezza obbligatorie. Da segnalare inoltre, a Santa Marinella, le violazioni contestate a due acquascooter che, entro i 1.000 metri dalla costa, navigavano ad elevata velocità ed in fase planante, mettendo a repentaglio la sicurezza anche dei bagnanti provenienti dalle numerose unità da diporto che si erano ancorate in zona.

Elevata una contravvenzione anche ad uno stabilimento balneare nella zona di Sabaudia per l’assenza del previsto bagnino di salvataggio.

Il complesso delle sanzioni amministrative comminate, incluse quelle per attività di pesca non consentita, ha raggiunto la cifra di 9.451 €.

About Samantha Lombardi 4035 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it