8 dicembre 2016

Bracconeri: “Presto a teatro torneranno ‘I ragazzi della terza C’ grazie a Moccia”

 

Fabrizio Bracconeri ha da poco compiuto cinquantadue anni e superati alcuni problemi di salute è pronto a tornare in pista. Lo ha detto questa mattina intervenendo su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Bracconeri ha superato alcuni problemi di salute che avevano allarmato, nei giorni scorsi, il popolo del web: Sono stato poco bene, sono stato operato di polipi al colon, ma ora speriamo che tutto sia superato”.

Bracconeri ha parlato del prossimo ritorno a teatro dei Ragazzi della Terza C: “Presto inizieranno le prove di questa commedia scritta da Federico Moccia. Si chiamerà Compagni di Banco, Chicco e Bruno Sacchi torneranno insieme a teatro. E’ un ritorno della Terza C praticamente, in chiave contemporanea. Siamo due cinquantenni, non siamo più bambini, ci incontriamo dopo anni e ci raccontiamo le vicissitudini che ci sono accadute in tutti questi anni che non ci siamo frequentati. E’ una cosa che piacerà molto, è romantica, curiosa, seria, fa ridere e riflettere. Una commedia completa. Ci va di lavorare insieme, la regia la fa Fabio Ferrari, gliel’ho ceduta perché credo che lui sia il più giusto per farci da regista“.

Bracconeri poi è tornato sul suo rapporto con Carlo Verdone: “Un personaggio al quale sono molto legato è Micione. Ma anche Enzo di Acqua e Sapone. Questi due sono i personaggi a cui sono più legato. Il giro del Vichingo a Fregene ormai è nella storia. Ho conosciuto Verdone perché lavoravo nell’officina dei miei zii. Verdone veniva a scrivere il film da Enrico Aldoini, che abitava alla porta accanto alla nostra officina, per questo tutti i giorni Verdone stava là, è diventato cliente nostro e io tutti i giorni gli dicevo a Carlo famme fa un film, a Carlo famme fa un film. Andai al provino di Acqua e Sapone con la tuta da meccanico. Mi misero addosso un giubbotto che sembrava rubato a Tex Willer, Verdone mi disse che andò alla grande. Il pezzo in cui entra la Sora Lella e ci scambia per due gay mi fa ridere ogni volta che lo rivedo. Lavorare di nuovo con Verdone? Magari, non avrei nessun problema, mi piacerebbe molto. Non è successo più, non so per quale motivo, forse non ha scritto un personaggio simile, adatto a me“.

 

Fonte Radio Cusano Campus