4 dicembre 2016

Moto 3: Bagnaia, primo della volata di Assen

Il GP d’Olanda va a Francesco Bagnaia del team Aspar dopo un arrivo emozionate e in volata. La gara è dominata dagli italiani e sul podio salgono anche Fabio Di Giannantonio, Gresini Racing, e Andrea Migno dello SKY Team VR46. Per il giovane torinese e per Mahindra è la prima vittoria.

La mattinata di Assen si apre con meteo favorevole, un pallido sole splende sul circuito delle Drenthe. 18 gradi di temperatura e un leggero vento sono le condizioni climatiche della gara Moto3™ dopo che qualche goccia di pioggia ha bagnato la pista a fine mattinata. Nel warm up il migliore è stato Romano Fenati, SKY Team VR46, che occupa la quarta piazza in griglia di partenza mentre davanti ci sono i suoi compagni di box Andrea Migno e Nicolò Bulega con il giovane emiliano che chiude la prima fila. Primo tempo delle qualifiche per Enea Bastianini, il portacolori Gresini Racing parte in pole. La scelta di quasi tutti i piloti è ricaduta su Dunlop a mescola media. Assente il secondo pilota in classifica iridata Jorge Navarro del team Estrella Galicia 0,0, fuori per infortunio.

La luce del semaforo si spegne e scatta bene Bastianini poi infilato da Migno alla prima staccata. Seguono Fenati e Bred Binder, Red Bull KTM Ajo, poi Bagnaia. Il veloce tracciato olandese fa allungare il gruppo subito dopo la quinta curva. Bulega è partito un po’ in ritardo e ora è ottavo come l’autore della pole che poi perderà contatto per recuperare nel finale. Al primo giro cade Albert Arenas, Aspar Team, e al secondo passaggio Gabriel Rodrigo, RBA Racing, entra in contato con Fabio Quartararo; i due vanno a terra e la moto RBA è colpita anche dal secondo portacolori Leopard Racing, Andrea Locatelli. Cade anche Khairul Pawi, Honda Team Asia, alla curva 1.

Comanda Fenati segue Bagnaia e Bastianini mentre Bulega segna il giro più veloce e chiude l’ottava posizioni con sette italiani che circondano Binder. Di Giannantonio, Migno e Niccolò Antonelli, Ongetta-Rivacold, occupano le rimanenti otto posizioni di testa. La sfida è subito accesa, il gruppo procede compatto e al comando si mette Bagnaia che cede successivamente la prima piazza al numero 5 dello SKY Team. Binder attende in quarta piazza preceduto da Di Giannantonio, il secondo portacolori Gresini è scattato dalla nona posizioe e con una partenza fulminate si è messo nelle posizioni calde della corsa.

A meno quindici dalla fine, nella esse finale, vengono in contatto Aron Canet, Estrella Galicia 0,0 e Juanfran Guevara del team RBA. I due erano impegnati nella lotta di testa e lo scontro causa lo spettacolare e pericoloso capovolgimento in area della moto Estrella. Nulla di grave per i corridori che sono costretti al ritiro.

Primo sempre Fenati che non riesce a staccarsi dagli scarichi il gruppo inseguitore e subisce l’attacco del compagno di box Andrea Migno alla curva 8. Nella porta aperta si infila anche Binder che ora è secondo. Bulega è quarto ma subisce l’attacco di Bagnaia. Il pilota emiliano recupera due posizioni e si attacca ai due compagni di scuderia. I tre daranno vita ad un duello spettacolare inseguiti da Bagnaia, Binder e da Di Giannantonio. Cadono Aleix Masbou del team Peugeot e Tatsuki Suzuki CIP-Unicom alla curva 1.

Fenati risponde ad ogni attacco dei piloti inseguitori ma quando mancano otto giri alla fine cede momentaneamente il passo a Bagnaia e a Migno per poi tornare secondo. Binder, in agguato in quinta piazza, prova l’attacco alle posizioni di testa alla curva 14 ma va largo ed è protagonista di un lungo fuoripista, la sua corsa tra i protagonisti finirà dopo questa manovra perdendo molte posizioni.

A meno cinque dalla fine le prime sette posizioni sono occupate da piloti italiani che dettano il rimo alla corsa e staccano il settimo corridore in classifica di oltre 1,5 secondi. Fenati, Bagnaia, Migno, Bulega, Antonelli, Bastianini, Di Giannantonio si giocano la vittoria. Tre scuderia a dividersi il podio di Assen. A quattro giri dal termina l’uomo pole cade alla curva dieci e per la sua squadra nel duello finale resta solo il suo compagno di box. Nella ghiaia alla curva cinque anche Andrea Locatelli che era tornato in pista dopo lo scontro dei giri iniziali e nello stesso punto cade anche Darrin Binder, Platinum Bay.

La volata della classe leggera ad Assen

Ultime battute di gara e Bulega perde contatto con le prime posizioni. La sfida per la vittoria entra nel vivo. Fenati prova a prendere margine sugli avversari, dietro è pura bagarre e l’arrivo è in volata. L’ascolano nelle ultime curve è inghiottito dai piloti dietro di lui e cinque corridori arrivano in linea orizzontale sul traguardo. È Bagnaia però a mettere la ruota anteriore della sua Mahindra davanti alla KTM SKY. Secondo è Migno e terzo Di Giannantonio che al fotofinish batte Fenati.

Migno è però penalizzato per aver tagliato la curva nel giro finale ed rilegato al terzo posto.

La classifica non cambia, Binder arriva dodicesimo e resta primo con 151 punti. Navarro è fermo al secondo posto mentre Fenati, quarto, accorcia la distanza dallo spagnolo e ora raggiunge le 93 lunghezze iridate.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.