4 dicembre 2016

Eccellenze italiane a Barcellona: contributi alla psicoterapia narrativa

Eccellenze italiane della psicoterapia familiare sono state selezionate per partecipare al V Congresso Internazionale dell’Associazione spagnola della Terapia Narrativa. Questa stessa, AETEN, è un’organizzazione senza scopo di lucro, il cui obiettivo è promuovere la ricerca e sviluppo della terapia narrativa, individuale, familiare e di comunità e dunque coinvolgere esperti provenienti da più nazioni capaci di apportare contributi importanti. Le teorie e la clinica a confronto sulla narrazione, perché narrare, rappresenta uno dei modi principali che l’essere umano possiede per far conoscere un accaduto o la propria storia. Non è possibile, infatti, presentarsi al mondo se non narrandosi. Noi viviamo immersi nella narrazione ripensando e soppesando il senso delle nostre azioni passate, anticipando i risultati di quelle progettate per il futuro. Le nostre vite sono infatti incessantemente intrecciate alle narrazioni, alle storie che raccontiamo o che ci vengono raccontate (nelle forme più diverse), a quelle che sogniamo o immaginiamo o vorremmo poter narrare. Tutte vengono rielaborate nella storia della nostra vita, che noi raccontiamo a noi stessi in un lungo monologo, episodico, spesso inconsapevole, ma virtualmente ininterrotto (Brooks, 1995). L’elaborazione dei fatti in storie o “racconti personali” è necessaria perché le persone diano un senso alla loro vita, perché acquistino un sentimento di coerenza e continuità. Creando dei legami intenzionali tra le esperienze vissute.

Dal 6 al 9 luglio 2016 a Barcellona, Lo Castro I., Resicato G., Melara L., M Maria Rosaria, sono i professionisti italiani che a Barcellona presenteranno un seminario esperienziale, risultato della loro esperienza di oltre 20’anni di clinica e ricerca. Sarà uno spazio dedicato all’approccio metodologico in cui il sogno costituisce una delle possibili storie che il soggetto racconta in terapia e, in quanto tale, generatore di significati e suscettibile di modifiche. Gli psicoterapeuti su citati, propongono di considerare il sogno come un film nel quale il cliente è regista e sceneggiatore e il terapeuta assume il ruolo di co-sceneggiatore per aiutare il cliente a riscrivere la storia narrata nel  sogno. Quest’ultima è sempre connessa con le narrative dominanti della vita da sveglio. In tal modo, le modifiche apportate alle storie narrate nei sogni contribuiscono a modificare le narrative dominanti della vita da sveglio del cliente. Faranno da filo conduttore alcune tecniche di intervento per lavorare sul sogno con le finalità menzionate, corredate da diverse esemplificazioni cliniche. Il presidente di AETEN, Carlos Chimpén López, ha fortemente voluto la realizzazione del quinto congresso dell’Associazione sulla terapia narrativa ed ha ricevuto, tra gli altri, il collaborazione di:  Facoltà della Psicologia, Scienze Istruttive,  FPCEE Blanquerna, nata 65 anni orsono; l’Ente di formazione UMANSENRED; l’Ordine Ufficiale degli Psicologi della Catalogna.