8 dicembre 2016

MotoGp, qualifiche: report Aprilia

Il meteo si conferma grande e imprevedibile protagonista sul circuito olandese di Assen. La pioggia arrivata dopo tre turni di prove disputati con pista asciutta ha costretto i piloti della MotoGP ad adottare pneumatici rain a partire dalla FP4, dove l’asfalto insidioso ha causato una serie impressionante di scivolate.
Vittime della situazione anche i piloti Aprilia, scivolati proprio durante l’ultimo turno di prove libere, che precede le qualifiche, senza riportare conseguenze fisiche.

Nella sessione che ha deciso la griglia di partenza, sia Alvaro Bautista che Stefan Bradl hanno così dovuto utilizzare la seconda RS-GP a loro disposizione. Il pilota spagnolo ha occupato per tutta la sessione posizioni importanti, scegliendo di rimanere in pista senza soste ai box e terminando le Q1 con il quinto tempo. Strategia adottata anche dal compagno dell’Aprilia Racing Team Gresini Stefan Bradl, ottavo alla bandiera a scacchi. In virtù della sanzione comminata a Iannone, Alvaro partirà domani dalla quattordicesima casella (e quinta fila) sullo schieramento, diciassettesimo posto e sesta fila invece per Stefan Bradl.

 
ALVARO BAUTISTA

“Condizioni difficili oggi, non sono riuscito a trovare il giusto feeling con le gomme da bagnato, infatti nelle FP4 sono scivolato senza preavviso. Per questo nella qualifica ho cercato di guadagnare confidenza a poco a poco, migliorando giro dopo giro ma senza riuscire a trovare un ritmo ideale. Serve lavorare, abbiamo girato poco sul bagnato con queste nuove gomme e per il momento siamo troppo al limite, provando a spingere si rischia di cadere come è successo a molti piloti oggi”.

 

 
STEFAN BRADL

“Oggi le condizioni erano quelle tipiche di Assen, con pista bagnata ma non abbastanza, quindi era impossibile utilizzare le slick ma anche con le rain il feeling non era dei migliori. Purtroppo sono scivolato nelle FP4, perdendo l’anteriore, e in qualifica ho dovuto correre con la seconda moto con un setting differente. Le cose sono andate migliorando durante il turno. Il progresso c’è stato effettivamente, ma non abbastanza da consentirci di guadagnare posizioni migliori in griglia”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.