8 dicembre 2016

Fiat Chrysler richiamo si espande a Maserati per la leva del cambio

ZAM45VLAXF0141148

Fiat Chrysler richiamo si espande a Maserati per la leva del cambio

Fiat Chrysler richiamo si espande a Maserati per la leva del cambio

 

Fiat Chrysler Automobiles NV sta espandendo il suo richiamo ad oltre 1 milione di veicoli con comandi che possono confondere i conducenti incluse alcune Maserati. La casa automobilistica, che possiede il famoso marchio italiano, richiamerà negli Stati Uniti oltre 13.000 Maserati Quattroporte e la berlina Ghibli su cui è montato il cambio automatico a otto marce prodotto dalla ZF. Le vetture sono state prodotte a partire dal 1 giugno 2013 al 28 Febbraio 2014. Il problema all’origine della campagna è legato alla leva stessa del cambio, che indipendentemente dalla modalità selezionata (P, R, N, D), torna in una posizione centrale una volta selezionato il rapporto, non rendendo immediatamente chiaro agli automobilisti se la vettura sia effettivamente stazionaria o meno. Nessun incidente letale. Secondo le risultanze dell’indagine, a Washington sono pervenute diverse segnalazioni di ripartenze o arresto involontarie , con diversi incidenti, senza conseguenze letali. Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti” ancora una volta anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato. È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari o ai Concessionari FCA Italia, nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione. L’intervento, consiste in un sistema di introduzione di ulteriori segnalazioni visive e acustiche quando il cambio non è in posizione “Park”. Le modifiche studiate dal Costruttore prevedono, inoltre, un aggiornamento software che inibirà il movimento del veicolo in certe circostanze, come con una portiera aperta, ad esempio, anche quando il cambio non è in P. Sui modellli successivi delle tre auto coinvolte nel richiamo, la leva del cambio è stata già sostituita con una dal funzionamento più tradizionale, che prevede scatti fisici tra le posizioni, in luogo del comando elettronico.

Lecce, 23 giugno 2016                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA