8 dicembre 2016

Una combattuta assimilazione del mondo nella poesia di Gian Mario Villalta

 

Leggendo Telepatia , la nuova raccolta di poesia di Gian Mario Villalta, uscita pochi giorni fa da LietoColle,  viene quasi spontaneo pensare a Dario Bellezza, la cui  assenza pesa molto nel vasto e confuso  panorama della poesia italiana. Villalta, come Dario Bellezza, accosta poesia e realtà e lo fa senza particolari sforzi, ma con estrema naturalezza.

“La storia della poesia recente – ha spiegato Villalta in un comunicato – è storia di perdita di lettori e di interesse, ma anche di specializzazione assurda: solo i poeti, veri o presunti leggono i poeti veri o presunti, come in un ghetto. Io, invece,vorrei che la maggior parte di queste poesie permettessero a chi le legge di trovarci qualcosa di comprensibile e condivisibile dal punto di vista del linguaggio e dei contenuti.”

Bene, leggendo Telepatia, si percepisce  forte questo desiderio dell’autore di evadere dal ghetto per incontrare lettori veri e far loro dono di una poesia che li rappresenti totalmente …

Va bene questa solitudine./ È la mia. Ho imparato,/ e mi fa compagnia./ Il mondo gira – mi tocca riconoscerlo/ spesso, a volte provo a disconoscerlo -/ con o senza di me./ Ricordo con poca tenerezza/ quando mi ritenevo necessario./ E poi non più.

Alla poesia, dunque, il compito fondamentale di registrare ogni oscillazione della propria storia interna, in una combattuta assimilazione del mondo. Il disagio, la sofferenza è ovunque, e nessuno ne è immune. Il poeta questo deve saper cogliere per essere vero, credibile e Villalta ci riesce benissimo. 

LietoColle

http://www.lietocolle.com/shop/collana-gialla/villalta-gian-mario-telepatia/