9 dicembre 2016

Ferrovia Roma Nord, prove tecniche di smantellamento: le riflessioni di un viaggiatore

 

In merito al futuro di questa ferrovia un viaggiatore seduto dinanzi a me si esordisce: “Caro signore, lei non ha capito che se abbiamo ritardo da Viterbo e capita spesso, la coincidenza per Roma parte da Catalano in ogni modo. Gli ex 701, 703, 707, 711, 713, erano treni diretti da Viterbo che coprivano l’intera tratta fino a Roma; hanno studiato a tavolino questa mossa per sopprimere i citati treni diretti, per disincentivare gli utenti della tratta viterbese ad utilizzare la ferrovia. Ora esistono da Viterbo gli 801, 803, 805, 809, 811,817, 823. Alcuni di questi treni danno all’utente della ferrovia pochi minuti per prendere il convoglio successivo diretto verso la Capitale. Se c’è ritardo superiore a tre minuti, non c’è possibilità di scampo, si perde la coincidenza. Specialmente la sera, se il treno delle 21,12 arriva posticipato rispetto all’orario, il successivo parte comunque. Si arriva all’assurdo che, se il convoglio ove viaggi ha più di 3 minuti di ritardo, venendo da Viterbo, Il treno che arriva da Roma e dovrebbe proseguire per Viterbo, lo fanno ritornare indietro. Quindi i passeggeri diretti a Roma perdono il treno. Il viaggiatore o dorme a Catalano, se no torna a casa, poiché non ci sono alternative.            

Chi ha l’abbonamento annuale, lo puoi trattare così? Lo lasci a piedi.  E’ da denuncia. Se facevano una cosa del genere nella tratta romana, non l’avrebbero passata liscia.

Con lo spezzettamento della ferrovia, l’hanno fatta grossa. Stanno creando il disagio in tutti i sensi, ciò porta “all’abbandono” da parte dell’utenza.

Vede signore, (continua il mio interlocutore), la regione Lazio, con la scusa di levare il rapido, cioè i treni diretti fino a Roma, ha fatto sparire i convogli con numerazione 700. Quindi hanno messo gli 800 da Viterbo fino a Catalano ed i 600 da Catalano fino a Roma, nonostante spesso sia lo stesso treno che fa Viterbo Roma. L’hanno fatto col proposito di far vedere ai cittadini, che i ritardi che c’erano prima, dovuti a tutte le anomalie che stanno sulla linea, guarda caso, con la bacchetta magica, ora sono spariti. Hanno allungato i tempi di percorrenza, soprattutto da Catalano a Roma. Da Catalano a Roma non ci sono i rallentamenti esistenti nella tratta Viterbo Civita Castellana, tante è vero che alcuni treni che partono da Catalano diretti a Roma sono costretti a fermarsi nelle stazioni perché sono in anticipo. Tra Faleri e Catalano la velocità è di 40 chilometri”.

Continua il mio interlocutore: “Il treno che parte da Viterbo e arriva a Catalano molto spesso fa soste anche di mezzora a Catalano.

Non c’è stato quasi mai l’investimento dì un centesimo su questa tratta (Civita Castellana Viterbo).

In merito ai pali sostituiti a Vitorchiano, Bagnaia, hanno creato una seconda linea portante, la sottostazione non ce la faceva, saltava il carico, i treni si fermavano. Hanno risolto, secondo me, in parte il problema.   Con la spesa che hanno effettuato, ci facevano la catenaria. Oppure se avessero sostituito semplicemente il filo vecchio usurato con uno nuovo avrebbero risolto il problema, pagando molto meno.

Precisa il mio “dirimpettaio”, inoltre potrebbero affidare i caselli esistenti, in comodato d’uso; al contrario preferiscono mandarli in rovina. La stazione di Magliano Romano era stata completamente ristrutturata, l’hanno mandata in malora, stessa cosa per quella di Vallerano.

Ripeto, é una cosa certa, studiata a tavolino, si vuole smantellare la tratta Viterbo – Civita Castellana.

Qualche lieve miglioria c’è stata, alcune traversine e pali della linea di contatto sono stati rinnovati. Ma ancora c’è molto da fare. Occorre urgentemente sostituire le traversine tra Faleri e Catalano, per far viaggiare i convogli oltre i quaranta chilometri e sostituirne parecchie su un ponte ubicato verso la stazione di Soriano nel Cimino.

Sono circa sette anni che non si vede una machina profilatrice ed una macchina rincalzatrice, prima il lavoro con questa dispositivi veniva fatto ogni 6 mesi”.

Seguita l’esperto: “Nessuno può dimenticare gli addetti alla ferrovia che durante la notte controllavano il percorso del treno: Micci Franco addetto all’armamento, Micci Concetto che sovrintendeva alla tratta Soriano nel Cimino – Vignanello, Micci Vittorio per la tratta di Santa Lucia. Ora questo compito non viene più svolto.

Solo la passione, l’amore per questa strada ferrata hanno fatto viaggiare ed ancora fanno viaggiare i treni. Il duro lavoro dei Capo Treno Micci Bruno, Vaselli Enzo, del Capo Stazione che era in servizio a Viterbo, Micci Giuseppe e tantissimi altri, hanno reso e rendono un servizio indispensabile alla collettività”.

di Gianfranco Lelmi

ferroviaromanord.altervista.org