6 dicembre 2016

MotoGp: la conferenza stampa di Assen

Il giovedì che anticipa il GP d’Olanda ha il sapore della grande attesa. Sulla pista di Assen sta per andare in scena l’ottavo appuntamento in calendario del MotoGP™ 2016 e, ancora una volta, la ‘Cattedrale’ della velocità sarà palcoscenico delle sfide motociclistiche più famose al mondo. Pista costruita negli anni venti del secolo scorso, dal 1949 ininterrottamente ospita il Campiona del Mondo MotoGP™, un appuntamento storico delle due ruote. Alla conferenza stampa in apertura dell’appuntamento sul tracciato della Drenthe si presenta Marc Marquez come attuale leader della classifica iridata

“È bello essere primo dopo sette gare”.  Afferma il pilota Repsol Honda, “Ora siamo su una pista che mi piace, una delle mie preferite. Ma i miei avversari sono veloci e dobbiamo lavorare subito bene dalla libere per le qualifiche”. Prosegue, “Dai test non mi aspettavo molto, ma abbiamo trovato spunti positivi. Honda ha lavorato tanto per essere ancora più competitivi”. Marquez parla delle condizioni mutevoli del clima in Olanda che potranno incidere sulla gara. “Le condizioni asciutte sono certamente le preferite da tutti, ma qui sappiamo che possono cambiare velocemente e potrebbe essere una variabile importante. Anche la pista è impegnativa, le curve sono molto differenti. In gara credo che spingerò molti nei primi giri per arrivare nelle prime posizioni. Ricordando alla fine la battaglia con Valentino dell’anno scorso, “L’anno scorso è andata così, molte gare si vincono e si perdono nelle battute conclusive, ma ogni anno è diverso”.

Jorge Lorenzo nel recente GP di Catalogna ha perso il primo posto in classifica e ad Assen è pronto per tentare nuovamente l’assalto alla vetta della classe regina. Una pista che non sempre è stata favorevole al pentacampione che qui ha vinto per l’ultima volta nel 2010. “Qui ho buoni ricordi ma non molti nella classe regina”.  Dice Lorenzo, “Un mix di belle prove e altre un po’ deludenti, ma stiamo parlando del passato ed è ora guardare al futuro. Sono ottimista. Nei test a Barcellona abbiamo provato molte parti nuove ma la gara a è stata opaca per molti motivi. Ma adesso ho nuove motivazioni, sono secondo in campionato e vicino a Marc, posso fare bene”.

Valentino Rossi, compagno di team di Jorge Lorenzo in Movistar Yamaha, è reduce della bella vittoria a Montmeló e soprattutto la pista olandese racconta dei sui grandi successi, nove in totale e sette nella classe regina. “Sono contento perché da quando siamo in Eusropa sono stato competitivo”, commenta il Dottore. “Il tracciato è favorevole a molti piloti, ed è uno dei più amati per le sue caratteristiche. L’anno scorso ho fatto una bella gara finita in una bella sfida con Marc, quest’anno però è differente, tante modifiche e le gomme sono nuove, ogni GP bisogna capire bene le condizioni. Qui le Michelin hanno fatto bene in passato. La speranza è fare bene”. Rossi parla del cambio di programma del 2016, “Quest’anno è strano che si corra di domenica ma sarà importante per capire la pista avendo più tempo. La sfida di quest’anno sarà dura, molti piloti saranno competitivi”. Anche Rossi rispondendo ad una domanda ricorda la sfida dell’anno scorso, “Con Marc è stato un bel duello che ha onorato questa storica pista, in passato ci sono state lotte simile all’ultima curva. È stata una delle più belle gare della mia carriera. Ma come detto prima questa stagione le novità hanno reso tutto differente e bisogna aspettare le prime libere prima di farsi un’idea”. Il nove volte vincitore di Assen, stimolato alle domande dei giornalisti sul fatto che quasi tutti i suoi avversari sono spagnoli, ha ricordato il grande movimento che c’è in Spagna nel coltivare i giovani talenti, cosa che egli stesso sta provando a fare con la sua Academy in Italia, riconoscendo che è la giusta via da percorrere per formare le nuove generazioni di campioni.

Con Marc Marquez, il nove volte campione ha commentato le modifiche effettuate alla ultima esse nella quale la scorsa stagione strappò la vittoria al numero 93 HRC.

Fonte: motogp.com

 

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5958 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.