22 febbraio 2017

Monterotondo, Cooperazione sociale a rischio per i ritardi nei pagamenti da parte della PA

Risposte chiare e concrete: è quanto chiedono le cooperative sociali Iskra, Folias e Il Pungiglione alle pubbliche amministrazioni in merito ai ritardi nei pagamenti Giugno, tempo di bilanci. Dopo mesi di riflessioni, discussioni, momenti di scambio e dibattito, siamo di nuovo qui a ribadire che la situazione non è migliorata. Le cooperative sociali Folias, Iskra e Il Pungiglione, nonostante gli innumerevoli tentativi di apertura e dialogo con le amministrazioni pubbliche, ancora non riescono ad assicurare ai loro lavoratori la retribuzione mensile che gli spetta. Giugno, dicevamo.

Un mese in cui bisognerebbe poter pensare al lavoro svolto durante i dodici mesi trascorsi con soddisfazione e serenità e proiettarsi, fiduciosi, verso un nuovo anno lavorativo, verso nuovi progetti. Ma come puoi farlo se, nonostante l’impegno e il lavoro costante, non sei riuscito a restituire dignità ai tuoi lavoratori? E’ la situazione paradossale in cui si trovano le tre cooperative e, di certo, non per loro volontà. Ad oggi i ritardi nei pagamenti da parte della pubblica amministrazione sono di sei/sette mesi rispetto alla prestazione del servizio e all’emissione della fattura. Una tempistica inaccettabile e insostenibile che fa “vantare” crediti alle cooperative anche superiori ai 650.000 euro. Le conseguenze sono facilmente deducibili: un pesante indebitamento bancario da parte delle coop, ritardi di mesi nel pagamento degli stipendi e, non ultima, la difficoltà sempre maggiore di sostenere la regolarità fiscale e contributiva prevista per legge. Facciamo riferimento al denaro come strumento necessario per il benessere di una comunità sempre più precaria. Non ricevere regolarmente lo stipendio significa, per molti, non avere la possibilità economica di gestire dignitosamente la propria quotidianità e, in alcuni casi, ricorrere a sistemi illegali di finanziamento. Subentra la sfiducia, la perdita di identità professionale e la demotivazione rispetto a un percorso lavorativo non riconosciuto. Ma c’è dell’altro: i servizi rischiano di perdere in qualità e efficienza.

Per quanto tempo – ci si chiede e si chiede agli amministratori – un lavoratore può continuare a svolgere bene la propria attività, assicurando professionalità e correttezza, quando di fronte a sé ha indifferenza e approssimazione? I lavoratori hanno diritto a delle risposte chiare e concrete. Così, mentre ci si affanna nella strenua ricerca di soluzioni alternative, nuove vie per portare avanti progetti di cooperazione sociale di cui possano beneficiare lavoratori e cittadini, si chiede alle amministrazioni locali di dare indicazioni precise su come intendono procedere al rientro dei debiti accumulati. Le cooperative Iskra, Folias e Il Pungiglione si appellano in particolare all’Amministrazione di Monterotondo, che per anni ha dimostrato di essere attenta alle politiche sociali e, quindi, al benessere della comunità, e chiedono indicazioni precise in merito ai ritardi dei pagamenti, nel tentativo di rassicurare i lavoratori e nella speranza di rimpinguare, a stretto giro, le casse per dare nuova linfa ai servizi che hanno in gestione.