8 dicembre 2016

“GENESI”, uomo e Dio attraverso la parola con le poesie di Salvatore Angius

La basilica di Santa Maria in Montesanto in piazza del Popolo a Roma, meglio conosciuta come la Chiesa degli Artisti, é stata teatro il 15 giugno 2016 di Genesi, «Polifonica poetica con Dio», una serata dedicata al rapporto tra l’uomo e Dio attraverso la parola, con le poesie di Salvatore Angius.

La rappresentazione è l’incontro  tra la parola di Dio, con la quale Egli tende verso l’uomo, sua meravigliosa creazione, espressa nella sua massima bellezza nelle Sacre Scritture e quella dell’uomo, che tende a Dio cercando e raccontando la propria anima, in un processo creativo che porta alla poesia.

ZibnBj6kPer gli autori dell’iniziativa, “Genesi” è «non è solo un evento culturale ma vuole essere un’esplorazione artistica del contatto strettissimo che l’uomo ha con la divinità attraverso l’uso della parola». Dichiara Angius: “È stata un’esperienza unica, che ripeterei milioni e milioni di volte. Lavorare con uno staff, un’equipe di attori con una certa esperienza ha dato una forte nota di crescita al mio lato interiore. Da ripetere sicuramente”.

Genesi 1 narra della creazione dell’Universo con cui Dio mette ordine al caos primordiale separando il buio dalla luce, la terra dalle acque e così via fino a che tutto abbia una forma. È  un atto creativo che trova la sua sintesi assoluta nell’uomo, creatura mortale fatta a immagine e somiglianza di Dio (Genesi 1,26) e che a Dio tende proprio attraverso il suo dono più grande: la parola. E l’uomo, attraverso l’arte della parola, rende grazie a quello stesso processo creativo dal quale ha avuto origine. Come l’Universo creato per separazione, la poesia, sintesi della bellezza,  separa e mette ordine fra le parole umane per parlare di un’anima.

Tema dell’evento, le poesie di Salvatore Angius, poeta e scrittore sardo di Lanusei, nipote omonimo di Salvatore Angius, poeta popolare di poesia georgica. Durante i suoi studi alla Scuola Militare Nunziatella, incontra il professor Claudio Feronelatinista e grecista stimato, che gli infonde la passione per lo studio dei poeti arcaici greci e latini, direttamente dalle fonti. Negli anni, ha pubblicato diversi volumi di poesia, come Disse il lupo alla luna (2009); Tracce nel Tempo (2010) e la sua versione in spagnolo Disse o lobo para a Lua, “Dialoghi col Vento” (2015).

La supervisione artistica è della compagnia teatrale Bracci-Schneider, la regia e l’adattamento scenico di Enzo Masci che sfrutta magistralmente la Basilica di Santa Maria in Montesanto: al buio, in ciascuna delle sei cappelle radiali (tre sul lato destro e tre sul lato sinistro) e nel presbiterio centrale, c’è un attore. La prima luce illumina l’attore al centro, che  recita il primo passo di Genesi 1 fino alla fine del primo giorno della Creazione. Al termine, si accende la luce all’interno di una delle cappelle laterali, alle spalle dell’attore lì posizionato, a illuminarne la sagoma e a proiettare un raggio di luce verso il centro. L’attore recita la prima poesia, in tema con il primo giorno della Genesi. Al termine della poesia, la luce nella cappella si affievolisce e ritorna sull’attore centrale che recita il secondo giorno della Creazione. Si accende quindi la luce all’interno di una seconda cappella laterale e così via fino a recitare i primi sei giorni della Creazione. Accese tutte le cappelle, tutti gli attori recitano insieme il settimo giorno di Creazione (Genesi 2, 1-4), quindi un’ultima poesia recitando una frase per uno in modo da riempire l’intero spazio della Basilica di parole che rimbalzano e si intrecciano provenienti da ogni punto, come un tessuto che si stia formando. Quest’ultima poesia è recitata, anche dall’attore centrale. Al termine della poesia, la luce torna sull’attore centrale che chiude la performance con i versi di Giovanni 1, 1-3.

Le accensioni delle cappelle in ordine sparso non danno riferimenti al pubblico affinché sì concentri solo sulla sua esperienza sensoriale mentre il sottofondo musicale che va a rinforzare l’impatto emotivo su chi ascolta.