11 dicembre 2016

Cracco, Cannavacciuolo, Bastianich e Barbieri

L’intera squadra di Master Chef Italia ha salutato Napoli con una serata a suon di pizza napoletana. Gli chef più famosi d’Italia si sono ritrovati a fine serata, dopo aver girato la puntata per la prossima edizione del programma, sia a mangiare e sia a fare la pizza in duetto con due grandi artigiani dell’Antica Scuola di Pizza dei vicoli della città, Gino e Antonio Sorbillo.

“Dopo aver mangiato le pizze della tradizione fatte con farine di agricoltura biologica e condite con solo i migliori ingredienti selezionati nelle zone più incontaminate d’Italia abbiamo cominciato a fare la “Pizza a Più Mani” ha aggiunto Gino Sorbillo.

Joe Bastianich è’ stato velocissimo a preparare una Margherita a regola d’arte che ha voluto infornare direttamente. Antonino Cannavacciuolo ha allungato l’impasto per fare una Metro-Pizza Napoletana essendo lui molto legato alla famosa pizza di Vico Equense. Un gesto rapido e deciso per una perfetta infornatura. Di seguito Bruno Barbieri ha preparato attentamente una grande pizza con eccellente maestria e tante piccole attenzioni. Pochi secondi ed anche la sua opera d’arte era pronta. Carlo Cracco ha mangiato tanti spicchi di soffice pizze accompagnati da tradizionale musica napoletana dal vivo eseguita da una band popolare molto conosciuta in città.

Tutte le pizze hanno riscosso grande successo tra i giudici anche per l’ottimo rapporto qualità-quantità. “A differenza con le pizze-baba’, un po troppo di moda in Campania, sulle pizze firmate Sorbillo vengono utilizzate Farine Biologiche e il doppio degli ingredienti per poter portare avanti sempre una politica salutare, onesta e verace” afferma Gino. Alla fine tanto champagne e tanti dolci della tradizione. Una grande folla attendeva all’esterno l’uscita degli Chef e dei fratelli Sorbillo per immortalare con i propri telefonini il momento. Napoli sempre di più nel cuore di tutti.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.