3 dicembre 2016

Abolizione del carcere per i giornalisti, Informazione libera: “Ora chiederemo un incontro al senato”

 

“Dopo la manifestazione di protesta dello scorso 15 giugno, non abbiamo alcuna intenzione di fermare la battaglia sull’abolizione del carcere per i giornalisti nel reato di diffamazione a mezzo stampa. È nostra intenzione andare avanti con tutti gli strumenti necessari, che possano portare un risultato di grande valore civico all’interno delle norme che regolano l’informazione giornalistica di questo Paese. Soprattutto, da quando anche la Corte europea dei diritti dell’uomo ha affermato che una simile sanzione non è di regola compatibile con la libertà di espressione. La Corte di Strasburgo, infatti, ha più volte sottolineato che, in materia di diffamazione, una pena eccessiva e sproporzionata destabilizza il sistema dell’informazione limitando gravemente la libertà di espressione democratica e di Stampa in generale. Per questo, chiederemo a breve un incontro al Senato, proprio lì, dove è fermo il disegno di legge presentato nel 2013, al fine di ottenere un’accelerazione sui tempi e sulle modalità di discussione. È un nostro obiettivo, quello di rendere efficace in tempi brevi l’applicazione  di questo provvedimento che consentirebbe agli operatori dell’informazione di lavorare con maggior serenità”. Cosi in una nota, il Comitato spontaneo InformAZIONE Libera