5 dicembre 2016

Viaggiare sicuri: scoppio dell’enterovirus A71 in Catalogna, Spagna. Valutazione rapida del rischio

 

L’ECDC, l’agenzia europea che si occupa della vigilanza sulla salute nel territorio UE, ha pubblicato una valutazione rapida del rischio a causa di un’epidemia localizzata dei sintomi neurologici associati dell’enterovirus A71 (EV-A71) in Catalogna, Spagna.La maggior parte delle infezioni di EV, compresi EV-A71, provocano infezione asintomatica. La maggior parte delle infezioni sintomatiche di EV-A71 si manifestano come una mano autolimitante, afta epizootica e solo una piccola percentuale di pazienti sviluppano conseguenze gravi e pericolose per la vita. L’attuale epidemia, per quanto dichiarato dall’ente europeo, è notevole in termini di grandezza e gravità dei sintomi dei casi segnalati.L’epidemia con le complicazioni neurologiche causate dall’enterovirus è in corso in Catalogna da metà aprile 2016, e colpisce i bambini fino a dieci anni di età.

A partire dal 7 giugno sono stati segnalati casi di infezione dell’enterovirus con complicazioni neurologiche, la maggior parte dei quali si sono evoluti positivamente, ma 22 tra i pazienti rimangono in ospedale, di cui 7 in unità di terapia intensiva. Secondo le informazioni ricevute dalle autorità regionali, non risulta alcun decesso correlato a questa epidemia. I casi sono diffusi in Catalogna. Negli altri Stati membri dell’UE non sono segnalati focolai concomitanti dell’enterovirus e l’ECDC non è a conoscenza di segnali di altri focolai insoliti di enterovirus nell’UE. Non vi è prova, quindi, che suggerisca che il profilo epidemiologico della EV-A71 in Europa stia attraversando un cambiamento, sia a causa di evoluzioni molecolari del virus, come pure per un crescente rischio di importazione di nuovi ceppi di virus da fuori dell’UE. La completa caratterizzazione dell’isolata epidemia spagnola e il confronto delle sequenze di virus provenienti da altri paesi e continenti, dovrebbe contribuire ad una migliore comprensione della variante epidemiologica dell’EV-A71 in Europa.

Questo scoppio di EV-A71 insieme ai casi precedentemente segnalati di EV-D68 rafforza l’esigenza di vigilanza per infezioni da enterovirus che si presenta con gli stessi sintomi. I pediatri dovrebbero essere incoraggiati a prestare attenzione al rilevamento dell’enterovirus e segnalare tutti i pazienti che presentano i sintomi indicativi di meningite, encefalite o paralisi flaccida acuta (AFP), nonché alle mani e afta epizootica. Come precauzione generale, sottolinea Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” ribadendo i consigli già forniti dall’ECDC, i bambini che risiedono o dovranno soggiornare per vacanza in Catalogna dovrebbero evitare il contatto con bambini malati sintomaticamente e seguire la più rigorosa igiene nei contatti personali. La maggior parte delle infezioni di EV, compresi EV-A71, provocano, come detto, infezioni asintomatiche. La maggior parte delle infezioni sintomatiche di EV-A71 si manifestano con segnali di mano autolimitante, afta epizootica e solo una piccola percentuale di pazienti sviluppano conseguenze gravi e pericolose per la vita.

Giovanni D’AGATA