11 dicembre 2016

È uscito il libro di Giorgio Calcaterra, maratoneta leggendario autore di grandi imprese

Mi chiamo Giorgio e ho un cognome che è tutto un programma: Calcaterra. Si adatta perfettamente a me che amo correre.

Questa è la storia di Giorgio Calcaterra, del suo grande amore per la corsa alla continua ricerca della libertà. Una passione che cresce di giorno in giorno, una sfida contro se stesso senza limiti e confini.

Questa è la storia di un uomo normale. A metà tra Peter Pan e Paperino, come lui stesso ama ironizzare, Calcaterra è tassista nella capitale, ama la sua famiglia, ha un padre unico che gli trasmette valori sani e un’infanzia serena. Ed è proprio da questa normalità che emerge, dirompente e sincera, l’unicità e l’eccezionalità del grande campione, dell’atleta riservato, leale e determinato che tutti gli appassionati di podismo conoscono.

Dopo essere stato un promettente mezzofondista, sceglie la maratona come sua specialità e ne corre più̀ che può, centinaia in pochi anni, andando contro tutte le teorie dei presunti esperti del settore. Spesso si sente ripetere che «fare molte gare fa male», che «non aiuta a migliorarsi». Contro tutto e tutti, Giorgio non si ferma e arriva a correrne anche 31 nello stesso anno, ottenendo vittorie e importanti riconoscimenti, come quello della rivista Runner’s World che lo premia per aver stabilito nell’anno 2000 un record mondiale: 16 maratone corse in un anno sotto le 2 ore e 20 minuti. Senza abbandonare le maratone, dal 2006 si dedica alle ultramaratone, diventando nell’arco di pochi anni il più̀ forte specialista del mondo nella 100 chilometri su strada, vincendo tre volte il campionato del mondo (2008, 2010 e 2012) e terminando due volte terzo (2009 e 2015).

Oltre ai titoli iridati e ai tanti campionati italiani di ultramaratona (50 e 100 chilometri), vanta un altro record: le 11 vittorie consecutive ottenute alla 100 km del Passatore (2006-2016).

In queste pagine Calcaterra si racconta con onestà e non esita a prendere una posizione molto forte sul doping e sugli interessi economici che dominano lo sport: alcuni valori si stanno perdendo, questo mi provoca un dolore viscerale perché mette l’etica dello sport a un livello subordinato rispetto al denaro. Io non sono così.
Correre è la mia vita.
Quando lo faccio, mi sento libero. Voglio continuare a migliorare me stesso, senza limitarmi nel frequentare gli amici e partecipare a tante gare, perché solo questo modo di vivere la mia grande passione mi rende davvero felice.  Ascolto me stesso, come mi ha insegnato a fare mio padre.

Un libro in cui Giorgio apre i cassetti della sua memoria e ci regala emozioni e riflessioni, permettendoci di entrare nel suo mondo di corridore libero e naïf.

Giorgio Calcaterra Nato a Roma l’11 febbraio del 1972, è un maratoneta e ultramaratoneta italiano, tre volte campione del mondo nella specialità dei 100 chilometri su strada. Per molti anni ha lavorato come tassista e oggi si occupa del suo negozio di running, Calcaterra Sport. La sua carriera è costellata da migliaia di competizioni, quasi 200 maratone e più̀ di 40 ultramaratone con 28 vittorie. Tra le più importanti spiccano le undici consecutive alla 100 km del Passatore. Ha stabilito la migliore prestazione mondiale nella 100 chilometri su strada negli anni 2008, 2010, 2011 e 2012. Detiene anche il record del mondo per numero di maratone (16) corse in un solo anno (2000) sotto le 2 ore e 20 minuti.

Daniele Ottavi Nato a Roma il 25 maggio 1971, si occupa da oltre dieci anni di marketing e comunicazione nel settore audiovisivo. Ha iniziato a correre nel 2011 e, da allora, ha partecipato a molte gare tra cui anche la Maratona di Roma nel 2011, terminata in più di cinque ore. Nel 2016 ritenterà̀ l’impresa, perché «una ogni cinque anni si può fare».

Giorgio Calcaterra, CORRERE É LA MIA VITA, in libreria da giugno 2016, ISBN: 978-88-6895-421-5, Pagine 336, Prezzo 19,90, EDIZIONI LSWR