9 dicembre 2016

Kaspersky Lab e la Società Archeologica di Atene estendono la collaborazione ad Akrotiri

Kaspersky Lab annuncia un nuovo passo nel proprio impegno per proteggere ciò che vale di più. Comprendendo l’importanza di salvaguardare le culture del passato, per il bene delle generazioni future, Kaspersky Lab prosegue nella collaborazione con la Società Archeologica di Atene (ASA) per sviluppare ulteriormente il progetto Akrotiri e salvare ciò che resta dell’insediamento storico cicladico/minoico. Kaspersky Lab sta sostenendo numerose attività per aiutare gli scienziati a proseguire nel loro lavoro, che comprende il restauro degli scavi, la conservazione dei meravigliosi affreschi e degli edifici.

La collaborazione tra l’azienda globale di sicurezza informatica e l’ASA risale al 2015, quando Kaspersky Lab ha sponsorizzato il rinnovo degli affreschi di Akrotiri. Come riconoscimento della sua importanza, il progetto è stato esteso al 2016, con l’offerta da parte di Kaspersky Lab di ulteriore supporto agli scienziati in diversi ambiti della loro ricerca. Il lavoro è attualmente focalizzato sulla raccolta di nuove informazioni sull’antica civiltà e sul suo insediamento sull’isola vulcanica greca di Santorini (Thera).

Eugene Kaspersky, Presindente e CEO di Kaspersky Lab, ha spiegato l’importanza di questo lavoro: “Akrotiri è un sito di primaria importanza. È un tesoro per l’intera umanità che rischia di scomparire se non conservato dagli archeologi. Credo che sia molto importante continuare a esplorare questo sito, in quanto è probabile che i suoi scavi portino alla luce nuovi manufatti. Sono molto orgoglioso di poter supportare il processo di ricerca, oltre alla conservazione di questo posto meraviglioso per le future generazioni”.

La collaborazione di Kaspersky Lab con l’ASA supporterà diverse fasi del progetto di Akrotiri. La prima fase consiste negli scavi nell’House of Benches, vicino all’edificio Xeste 3. È qui che, nel 1999, è stato ritrovato lo stambecco d’oro di Akrotiri. Essendo l’unico manufatto in oro fino ad ora scoperto ad Akrotiri, gli scienziati sperano che ulteriori ricerche e scavi permettano di scoprire un altare.

La seconda fase prevede lavori di restauro e conservazione degli affreschi della Grand Staircase di Xeste 4. Durante i passati scavi, sono state qui trovate diverse decine di metri quadri di dipinti murali frammentati, ma molti pezzi devono ancora essere scoperti. Questi affreschi decoravano in origine le pareti che fiancheggiavano la scala e si stima che i pianerottoli ricoprissero una superficie totale di circa 90 m2. Kaspersky Lab ha precedentemente supportato l’ASA nella conservazione delle unità provenienti dai muri Est e Nord del pianerottolo del secondo piano (circa 12,5 m2) e il progetto di quest’anno coprirà le unità mancanti: i muri Nord e Sud del quarto piano della scala (circa 12,5 m2)

Ultimo ma non meno importante, Kaspersky Lab supporterà il lavoro di conservazione degli edifici. L’antico sistema di rinforzi in legno per gli edifici si è disintegrato, deformando parti di muro e pavimenti. Alcune misure di salvataggio sono state prese durante gli scavi negli anni ’60 e ’70, ma non è ancora stato studiato approfonditamente il comportamento dei monumenti in seguito al trascorrere del tempo, alle condizioni climatiche e ambientali e ai terremoti. Kaspersky Lab supporterà la mappatura in loco dell’attuale sito di conservazione delle rovine e l’analisi e la classificazione dei dati raccolti sui monumenti, per aiutare gli scienziati a trovare il modo migliore per salvare gli edifici dalla rovina.

“Il supporto che abbiamo ricevuto da Kaspersky Lab ci aiuta a proseguire il nostro lavoro in molte direzioni allo stesso tempo e sono molto felice che la nostra cooperazione con l’azienda prosegua per il secondo anno consecutivo”, ha commentato Dora Vassilicos, membro del Board of the Archeological Society at Athens. “Il contributo alla scienza e allo studio delle antiche civiltà è fondamentale e spero che, con l’aumento delle scoperte, cresca anche l’interesse delle persone per la storia e la cultura di Akrotiri”.

Il Prof. Christos Doumas, Direttore degli scavi di Akrotiri, ha commentato: “Akrotiri è sempre stato un luogo speciale per me e per molte persone che vi lavorano. Ci impegniamo costantemente per ottenere le risposte alle domande su chi abitava l’isola migliaia di anni fa. Sono felice che Kaspersky Lab sia interessata al nostro lavoro e sia disponibile a supportare il nostro progetto a lungo termine. L’azienda offre grandi opportunità alla nostra ricerca. In termini di collaborazione futura, mi auguro che Kaspersky Lab voglia diventare nostro partner a lungo termine”.