7 dicembre 2016

“Menzione d’Onore” per il Ducati Monster 1200 S al XXIV Compasso d’Oro ADI

Il Monster 1200 S si aggiudica la Menzione d’onore al XXIV Compasso d’Oro ADI. Un riconoscimento prestigioso per Ducati e, al tempo stesso, un’ulteriore conferma di Azienda premium per la ricerca e la cura anche nel design.
A questa edizione del prestigioso Premio internazionale, Ducati ha presentato uno dei modelli di punta della sua gamma: l’evergreen Monster, nella sua versione 1200 S. Considerata la moto “naked sportiva” per eccellenza fin dal suo esordio nel 1992, la famiglia Monster ha aperto un nuovo segmento nel mercato delle due ruote. Capace di armonizzare pochi e semplici elementi in un oggetto di design ricercato, il Monster è divenuto, nel corso della sua ultra-ventennale storia, una icona di stile. “Less is more” è il concept che identifica questa  eclettica moto, ridotta ai minimi termini in fatto di componentistica: essenziale, accattivante e inconfondibile.
Ė un grande piacere essere di nuovo premiati dall’ADI, a distanza di pochi anni dal Compasso d’Oro ricevuto per la Panigale”, ha detto Andrea Ferraresi, Responsabile del Ducati Design Center. “Un piacere che condividiamo con i colleghi dell’area tecnica, senza il cui contributo sarebbe stato impossibile realizzare certe soluzioni di design. La soddisfazione è doppia perché, in questo caso, si trattava di ridefinire un’icona del design motociclistico qual è il Monster. Un obiettivo sfidante e ricco di insidie”.
I premi e le Menzioni d’Onore della XXIV edizione del Compasso D’Oro sono stati assegnati da una giuria di esperti internazionali (che ha esaminato 237 prodotti di design) e rappresentano, sin dal 1954, il massimo riconoscimento italiano per il design industriale.
Al XXIV Compasso d’Oro ADI, il Monster 1200 S è l’unica moto ad avere ottenuto la Menzione d’onore ed è in esposizione all’interno della mostra, in programma a Milano a Palazzo Isimbardi dal 14 al 22 giugno.
Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.