3 dicembre 2016

Premio Strega: cinquina di finalisti

Siamo arrivati alla cinquina di finalisti che concorreranno per il premio “ Strega”, tra questi si confermano alcuni colossi editoriali come Rizzoli e Mondadori, ai quali però si affiancano case editrici indipendenti appena nate.

L’8 luglio è il giorno prefissato per la finale che si terrà nella nuova sede delle cerimonie Strega, l’Auditorium Parco della Musica di Roma e ci saranno: Edoardo Albinati con” La scuola cattolica” (Rizzoli) – voti 202; Eraldo Affinati con “L’uomo del futuro” (Mondadori) – voti 160; Vittorio Sermonti con “Se avessero” (Garzanti) – voti 156; Giordano Meacci con” Il cinghiale che uccise Liberty Valance” (minimum fax) – voti 138; Elena Stancanelli con “La femmina nuda” (La nave di Teseo) – voti 102.

La quota “indie”, ossia quella che consente allo Strega di riequilibrare, per regolamento, la presenza di almeno un editore medio o piccolo nella cinquina finale, è garantita da ben due nomi: Minumun Fax, casa editrice romana nata nel 1993, e La Nave di Teseo. Quest’ultima, nata appena sei mesi fa grazie al volere e ai capitali di Elisabetta Sgarbi, Eugenio Lio, Umberto Eco, e di un nutrito e folto gruppo di scrittori oramai ex Bompiani.

Il favorito è Edoardo Albinati, con il suo “La scuola cattolica” che non è altro che una confessione tra adolescenza, sesso, religione e violenza, per alcuni alunni di una scuola privata della Roma bene degli anni settanta. Per Rizzoli sarebbe cosi l’11esimo Strega vinto, mentre se dovesse vincere il romanzo di Affinati “L’uomo del futuro”  sarebbe per Mondadori il 24esimo.

L’appuntamento per decretare il successore di Nicola Lagioia (La Ferocia, Einaudi) è per l’8 luglio, un venerdì, serata scelta per evitare la concomitanza con un match degli Europei di calcio.