7 dicembre 2016

Punizioni corporali: dividere la violenza fisica dalle difficoltà educative

“Su 196 membri delle Nazioni Unite solo 49 hanno abolito i mezzi correttivi basati sulle punizioni corporali”. Lo ricorda Federico Bianchi di Castelbianco, psicoterapeuta dell’età evolutiva,commentando i risultati della conferenza mondiale di Vienna dal titolo ‘Verso una infanzia libera dalle punizioni corporali’. “Dobbiamo considerare che in alcuni paesi l’educazione è un concetto basato sulla forza fisica dell’adulto e punta a piegare la volontà espressa dai bambini alle norme sociali. In quest’ottica- spiega lo psicoterapeuta- la punizione corporale è volta a soddisfare aspettative personali che nulla hanno a che vedere con i bisogni del bambino. Gli adulti non chiedono solo ubbidienza, vogliono che i figli raggiungano importanti risultati scolastici oppure vadano a lavorare seppure minorenni”.

Sono certamente realtà che appartengono a culture diverse dalla nostra. “È di pochi giorni fa la notizia di un bambino giapponese di 7 anni abbandonato in un bosco perché tirava i sassi sulle macchine. Una situazione che dovrebbe farci parlare soprattutto dell’incapacità dei genitori di educare il figlio- rimarca lo psicologo- infatti l’abbandono totale ne è una dimostrazione. Un altro caso di incapacità genitoriale è quello della ‘madre tigre’- afferma il direttore dell’IdO- colei che obbliga ad esempio la figlia di 6 anni a studiare più lingue straniere e il pianoforte allo stesso tempo, impegnando tutto il tempo della bambina nel raggiungimento di prestazioni”. È un senso “sbagliato di rispetto connesso al concetto di proprietà.  Il figlio viene considerato di proprietà dei genitori e allora qualunque punizione/attività è legittima”.

È dunque opportuno differenziare il caso del “genitore che dà uno schiaffo per fermare un comportamento deviato del figlio, da quello che usa la cinghia per avere obbedienza”.  A tal proposito lo psicologo cita due casi: “In un condominio ligure, una famiglia ha chiamato la Polizia perché aveva sentito delle urla nella casa dei vicini. Era accaduto che un padre aveva schiaffeggiato il figlio di 12 o 13 anni per impedirgli di uscire da solo alle 10 di sera. Reazione ragionevole- afferma Castelbianco- eppure la Polizia ha portato l’uomo in Commissariato con l’accusa di possibile violenza sul minori”.

Passando in Svezia: “Una famiglia italiana in vacanza stava per entrare in ristorante quando il figlio di 8 anni scappa via e attraversa di corsa  la strada percorsa da macchine ad alta velocità da solo perché voleva mangiare la pizza. Il padre rincorre il figlio e gli dà un ceffone. Il risultato? La polizia lo ferma e lo porta per tre giorni in carcere. Ecco perché bisogna dividere la violenza gratuita e opportunistica- ribadisce il direttore dell’IdO- dalle difficoltà educative”.

Molti genitori “non sanno o non riescono ad educare i figli, che sin da piccoli mostrano comportamenti di arroganza e violenza che pongono il padre e la madre in serie difficoltà: se gli danno uno schiaffo hanno paura di essere additati come genitori violenti; se non gli danno uno schiaffo, il figlio si esibirà in scenate isteriche e moleste per la famiglia e soprattutto per sé stesso. Allora la domanda è- si chiede il terapeuta- chi deve educare questo bambino? Lo mandiamo in un collegio dello Stato? Ai genitori una risposta va data, non si può dire solo ‘NO’, così le famiglie non vanno avanti. Ricordiamo che in Italia esiste una realtà drammatica: i figli che picchiano i genitori. Sarebbe opportuno che su questo tema si aprisse un tavolo di riflessione e confronto- conclude lo psicologo- dove non si facciano discorsi teorici ma si diano suggerimenti e soluzioni pratiche che i genitori stessi possano adottare”.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.