10 dicembre 2016

Formia, progetto “Smart City”, attivo il sistema di videosorveglianza

È attivo il sistema di videosorveglianza comunale previsto dal progetto PLUS “Formia Smart City”. Quattordici punti strategici della città sono monitorati presso il Comando di Polizia Municipale con registrazione dei dati ai fini di eventuali verifiche.

Le telecamere – spiega l’Assessore alla Smart City Claudio Marciano sono installate nel piazzale della Stazione ferroviaria e nell’area del porto, presso le ville comunali del centro, in Largo Paone, nella Pineta e sul lungomare di Vindicio e in prossimità di alcuni incroci. Il progetto premiato dai finanziamenti europei circoscrive l’area target alla zona compresa tra Vindicio e la rotonda dei Carabinieri. Per questo non si è potuto estendere l’operazione anche al resto della città. Alcune telecamere sono “brandeggiabili”, controllate cioè in remoto e ruotate a comando fino a 180 gradi. Il software di gestione è aperto ed è possibile aggiungere in visuale anche altre telecamere”.

Certo – prosegue Marciano – molto c’è ancora da fare. Alcune telecamere sono piazzate in angoli poco utili e il vecchio sistema di videosorveglianza non è ancora integrato e perfettamente funzionante (copre altre 16 postazioni). Siamo ben lontani, e per fortuna, dal Panopticum. Formia dispone però di uno strumento utile per monitorare i suoi accessi principali e forse andrebbe esplorata la possibilità di dare in gestione tutto il sistema direttamente alle forze dell’ordine, fermo restando che la sicurezza è faccenda ben più complessa e non dipende certo da dieci o cento telecamere, come a volte ingenuamente si crede. In passato ho espresso le mie riserve su questi sistemi di controllo un po’ pervasivi. Ma oggi non ha senso, sono molto più invadenti i cellulari che possediamo e se non c’e mercificazione o limitazione dei diritti – conclude – non ci vedo davvero niente di male”.

E’ certamente un passo in avanti sul fronte della sicurezza – commenta il Sindaco Sandro Bartolomeo -. Posso garantire a tutti che saremo attenti alla privacy ma è indubbio che la presenza di telecamere rappresenta un fattore importante di prevenzione ed uno strumento in più a disposizione delle forze dell’ordine. E’ un primo intervento, finanziato con i fondi europei del PLUS. Vogliamo integrare i quattordici punti monitorati con il vecchio sistema di videosorveglianza, così da arrivare a trenta telecamere dislocate sul territorio cittadino. E’ uno strumento utile – conclude il primo cittadino – e cercheremo di esportarlo anche nei quartieri periferici della città”.

 

About Giovanni Soldato 2969 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.