10 dicembre 2016

Passione pericolosa

Ho preferito pubblicare questo articolo non subito, perché vorrei che riflettessimo sulla nostra passione e sui pericoli che, purtroppo, ad essa sono collegati. Ancora una volta siamo costretti a parlare della scomparsa di un ragazzo che come noi amava il motociclismo.

 

 

La nostra è una passione bella, in grado di emozionare anche quando non si è in sella. Che sia tra i cordoli o tra i passi di una montagna, infinite sono le scariche di adrenalina che si vivono quando si spalanca il gas o si tira la leva del freno.

 

 

Una volta ebbi a dire ad un mio caro amico che solo il fare l’amore con una bella donna mi provoca gli stessi piaceri quando la mia moto mi ama portandomi a  spasso dove vogliamo.

 

Le due ruote sono pura emozione, creazioni che derivano direttamente dal divino. Sono in grado di fondere il freddo metallo con la calda pelle, per creare un essere mitologico moderno, degno d’essere narrato nelle opere di Omero.

 

 

E’ anche vero, però, che le due ruote sono pericolose. I pericoli di scivolare, di essere soggetti passivi di manovre altrui, di trovarsi su asfalti abrasi o contornati da crateri, sono sempre dietro l’angolo. Basta poco e dalla massima gioia si può passare alla disperazione più profonda.

 

 

Allora cosa bisogna fare? La morte di Salom ci impone una riflessione profonda sulle vie di fuga. Gli impianti dove gareggiano le moto devono avere vie di fuga studiate appositamente per esse e non devono, invece, adattare il proprio percorso nato per le auto ad un qualcosa che all’asfalto preferisce la ghiaia. Occorrono campagne di sensibilizzazione che sin dalle scuole superiori educhino gli alunni ad una condotta su strada più prudente e responsabile. Occorre davvero multare salatamente chi utilizza il cellulare mentre guida. Occorre che i fondi destinati alla manutenzione delle strade aumentino e vengano spesi da chi davvero è in grado di fare il proprio mestiere. Quante volte un manto stradale appena steso si è sgretolato alla prima pioggia?

 

 

Occorrono guard rail conformi alle nostre esigenze. Occorre diffondere una cultura della sicurezza che ci vede vestire tutti i giorni dell’anno con il giusto abbigliamento tecnico. Occorre trovare soluzioni, tipo il coinvolgimento di sponsor, volte a diminuire il costo delle giornate in circuito, senza diminuire la qualità dell’assistenza medica e tecnica. Occorre che i giornalisti non dividano gli appassionati creando falsi miti e leggende per il becero fine di lucrare una prebenda in più. Occorre isolare ed espellere quelle bestie che al Mugello hanno bruciato un pupazzo rappresentante Marquez.

 

Occorre diffondere il dovere/piacere del rispetto. Nello sport, come nella vita, si vince e si perde; chi ha vinto senza barare merita il massimo rispetto così come colui che si è speso al massimo ma ha perso. Occorre, insomma, svegliarsi! Tutto ciò non eviterà altre tragedie; di sicuro queste saranno ridotte al minimo.

Fonte foto: calcioweb.eu

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5990 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.